La mobilità ibrida e a zero emissioni comincia lentamente a diffondersi. Tra le case che negli ultimi anni stanno procedendo spedite in questa direzione c’è sicuramente Mercedes, che insieme anche al marchio Smart, ha fatto grandi passi in avanti e ha mostrato i suoi progressi nel campo durante il Mercedes Electric Day, giornata in cui è stata illustrata l’intera gamma ibrida ed elettrica della Stella. I modelli, manco a dirlo, sono tutti molto interessanti e non appartengono a quella sfera di prototipi poco appetibili esteticamente (per usare un eufemismo) ma si basano sulle vetture di serie della casa di Stoccarda.

Mercedes, quasi 3 miliardi investiti nelle tecnologi verdi

La ricerca di motorizzazioni alternative ha costituito un’importante sfida fin dai primi anni di vita di Mercedes che ha dichiarato di aver investito 5.6 miliardi di euro in ricerca e sviluppo, di cui la metà riservato alle ‘green technologies’, in virtù di una strategia articolata in tre fasi: accanto al continuo miglioramento dei propulsori a combustione interna, le motorizzazioni ibride costituiscono un importante anello di passaggio verso la mobilità a zero emissioni. L’obiettivo è arrivare entro il 2020 a consumi di circa 4 litri/100 km per una media aziendale di 99 g/km di CO2 emessa dall’intero parco macchine (vicino agli obiettivi fissati dall’Unione Europea di 95 g/km sull’intero mercato). Per farlo gli ingegneri Mercedes sono da tempo al lavoro sull’Intelligente Drive, programma che punta a una guida più sicura, efficiente ma allo stesso tempo più sportiva visto che la potenza aggiuntiva è pulita (e gratis visto che non influisce sulle tasse di proprietà) e va a sommarsi alle già performanti ed efficienti motorizzazioni.

Mercedes Electric Day, 11 le vetture ibride della Stella

Mercedes-Benz ha introdotto la tecnologia ibrida nella produzione in serie nel 2009 e attualmente presenta 11 modelli già in vendita. Il diesel ibrido, denominato BlueTEC Hybrid, è disponibile su Classe C, Classe E e Classe S, grazie al motore diesel a quattro cilindri abbinato ad un motore elettrico compatto garantisce una potenza di 204 + 27 CV). Oltre al motore a combustione e a quello elettrico, il modulo ibrido, include il cambio 7G-TRONIC PLUS. Con la S 400 Hybrid, la tecnologia ibrida sposa un motore V6 benzina con il modulo ibrido compatto formato da un motore elettrico che funge anche da motorino di avviamento e alternatore. Il sistema aiuta a risparmiare carburante e permette il cosiddetto effetto Boost, grazie al quale il motore elettrico imprime un’energica spinta al motore a combustione nella fase di accelerazione e di maggiore consumo. In fase di decelerazione il motore elettrico funziona da alternatore e recupera l’energia in frenata per il cosiddetto principio di rigenerazione.

Dieci nuovi modelli Plug-in Hybrid entro il 2017

Lo step più avanzato è l’ibrido plug-in, disponibile esclusivamente in versione benzina a sei cilindri e, per la prima volta a quattro cilindri, sulla nuova C 350 Plug-in Hybrid e sulla S 500 Plug-in Hybrid. Perfetta sintesi di performance ed efficienza, la tecnologia ibrida plug-in deriva dal sistema modulare per trazione ibrida in parallelo di Mercedes-Benz e permette di percorrere fino a 31 km in modalità completamente elettrica. Le automobili ibride di Mercedes vantano una quota di mercato superiore a quella di tutti gli altri costruttori tedeschi messi insieme e in futuro, la strategia ibrida sarà sempre più focalizzata sulla tecnologia plug-in, con dieci nuovi modelli entro il 2017, uno ogni quattro mesi. Oggi l’offerta della Stella è distribuita su tre segmenti e tre diverse proposte: ibrido su diesel e benzina, ibrido plug-in benzina.

Mercedes Electric Day, le elettriche alla prova Safari

La mobilità a zero emissioni trova la sua applicazione con il Mercedes E-Vito con l’ultima nata, la Classe B Electric Drive: grazie al suo motore elettrico da 132 kW, garantisce un’autonomia di 230 km priva di emissioni con una coppia massima di 340 Nm già al regime minimo e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,9 secondi. Dal 2012, invece, è presente sul mercato la Smart Electric Drive che abbiamo utilizzato per un inedito test drive, all’interno del Safari Park di Varallo Pombia dove gli animali sono liberi di muoversi e si avvicinano alle auto bloccando sovente il passaggio. Senza inquinare e silenziosa, la piccola smart si rivela perfetta a un habitat protetto dove leoni, giraffe e rinoceronti bianchi non devono essere disturbati.