La Mercedes Classe G, era nata per scopi militari nel 1979, poi la sua presenza sul mercato l’ha trasformata in un’auto alla moda, un mezzo decisamente cool, soprattutto nelle varianti più potenti griffate AMG, con tanti cavalli ed una vocazione stradale.

Punto fermo nell’offroad, dove si è sempre distinta per le sue caratteristiche tecniche e per la solidità dimostrata negli anni, al punto che le quotazioni degli esemplari usati sono sempre importanti, la Classe G è arrivata al restyling 2015, per essere ancora sulla breccia.

I cambiamenti, dal punto di vista estetico, riguardano paraurti rivisti e parafanghi allargati, presi in prestito dalle versioni AMG. Nuovi anche gli interni, in linea con le ultime tendenze della Casa, dove spicca una plancia con tanto di strumentazione dotata di display centrale.

Prevista sul mercato per la metà dell’anno, la Classe G avrà essenzialmente motorizzazioni importanti: si va dalla G350 d, fino ad arrivare alla AMG G 65, passando per la G 500 e la AMG G 63. Il motore a gasolio arriva a 245 CV e 600 Nm di coppia, la AMG G 63 vanta 571 CV, mentre la AMG G 65, grazie al suo V12, può fregiarsi di una potenza di ben 630 CV ed una coppia di 1.000 Nm. Totalmente nuovo il V8 biturbo ad iniezione diretta 4 litri da ben 422 CV, derivante da quello dell’affascinante coupè AMG GT.

In totale, i motori della Classe G sono aumentati di potenza del 16% e, grazie ad emissioni di Co2 più contenute ed a consumi ridotti, rispettano la normativa Euro 6.

Per migliorare il comportamento su strada è stato rivisto l’assetto, attraverso delle sospensioni rivisitate in ogni dettaglio, e migliorato l’intervento dell’elettronica. Ma non è tutto, la Mercedes Classe G offre anche gli ammortizzatori adattivi regolabili (a richiesta) sulla G 500, per rendere la dinamica del fuoristrada teutonico migliore in ogni situazione.

Insomma, un classico leggendario che non perde il suo appeal con il trascorrere del tempo, ma che acquista ancora più fascino ad ogni anno che passa.