La casa di Stoccarda è in crisi, quest’anno ha fatto parlare parecchio di sé ma alla fine è salita sul primo gradino del podio soltanto una volta in Cina e meno male che c’è stata quella di vittoria, altrimenti la prima parte della stagione sarebbe assolutamente da buttare.

La Mercedes va avanti e sa di aver fatto anche degli ottimi test quest’anno, peccato che quelli buoni fossero con la vettura vecchia. La nuova monoposto di Rosberg e Schumacher ha invece un grande potenziale che non riesce ad esprimersi in pista.

Così accade che due campioni, sempre il lotta con gli avversari e in polemica con qualcuno, si ritrovino a vivacchiare come la squadra che da tre anni insegue la costanza nei successi. Non stiamo facendo illazioni sul talento di Rosberg costruito a tavolino o sui problemi di Schumacher con le gomme.

Qui si parte da una considerazione che hanno fatto gli interni alla Mercedes. Ecco per esempio le parole di Norbert Haug:

Le ultime gare sono state la dimostrazione di cosa ci manca ancora rispetto ai primi della griglia. Dobbiamo recuperare mezzo secondo, nel team ne sono tutti a conoscenza e stiamo lavorando duramente per chiudere il gap nella seconda parte di stagione.

Haug è il responsabile dell’attività sportiva della Mercedes.