L’asse americano del gruppo Fiat, la Chrysler, sta sempre più trascinando la casa torinese. Il 2012 si è chiuso per la casa della Jeep con il miglior dicembre dal 2007. Nell’anno appena concluso le vendite nel mercato nordamericano (Usa, Canada e Messico) hanno registrato un +21%, su una media del mercato pari al 13%. E’ in crescita anche la Fiat 500, arrivata a 43.772 unità, più del doppio (121%) rispetto al 2011. A dicembre la piccola vettura è salita del 59% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Si tratta della performance migliore tra i vari marchi del gruppo.

Il consolidato e storico marchio Jeep ha venduto 307.967 unità nel 2012, pari ad un aumento del 13%. Le vendite totali 2012 americane del gruppo Chrysler (in cui è compresa anche la 500) ammontano a 1.651.787 unità. Si tratta di una quota di mercato dell’11,2% (+0,7%).

Non giunge quindi inaspettata la notizia che la Fiat eserciterà l’opzione di acquisto di un ulteriore 3,3% del capitale di Chrysler (detenuta dal fondo pensioni Veba). Dopo questo acquisto, del valore di 198 milioni di dollari, Fiat possiederà  il 65,17% del capitale.