La vendita di auto a gas e a metano è scesa drasticamente nell’anno 2015: nello specifico, le auto a gas hanno venduto il 20,8% in meno rispetto all’anno precedente mentre la vendita delle auto a metano è peggiorata del 31,8%. Se pensiamo che, invece, il mercato delle auto tradizionali, benzina e diesel, è aumentato del 18%, possiamo capire perché, in Italia, abbiamo un grosso problema di polveri sottili ed inquinamento.

Le auto gpl e quelle a metano dovrebbero essere sostenute dagli enti governativi proprio per permettere alle persone di risparmiare e nello stesso tempo di inquinare meno l’ambiente. Infatti, se tutti acquistassimo, nei prossimi anni, delle auto eco-friendly, il clima e l’ambiente beneficerebbero della diminuzione dell’inquinamento. Soprattutto se consideriamo che l’inquinamento è colpevole di migliaia di morti all’anno, solo in Italia.

Massimo Ciuffini, coordinatore progetti mobilità Fondazione per lo sviluppo sostenibile, ha dichiarato: “Il crollo del prezzo del petrolio negli ultimi mesi ha influito sulle scelte dei consumatori che, ingannati dal fatto che il diesel e la benzina siano divenuti meno cari, hanno pensato che la competitività economica delle auto ecologiche (GPL o metano) si fosse ridotta”.

Invece, come spiega Ciuffini, anche le auto gpl e metano hanno beneficiato del calo del prezzo del barile: “In realtà quando cala il prezzo del petrolio cala ad esempio anche quello del Gpl e del metano, quindi la convenienza economica per queste auto ecologiche è rimasta. Purtroppo, in molti non lo sanno”.

Nel dicembre 2015, il dato di calo della vendita delle auto, è inquietante soprattutto per le auto a metano che perdono addirittura l’11% a fronte dello 0,8% perso dalle auto gpl. Questa situazione non fa altro che peggiorare ed è per questo che c’è bisogno di un provvedimento. In realtà, un’idea c’è ed è già sulla scrivania dei parlamentari. Nello specifico, in Parlamento, si sta pensando di esentare dal pagamento del bollo tutti coloro che possiedono un’auto a basso impatto ambientale. Questo provvedimento dovrebbe essere utile per rimettere in equilibrio il mercato delle auto ecologiche.