Continua a crescere il mercato auto in Italia. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha comunicato di aver immatricolato 131.489 autovetture, con una variazione di +14,54% rispetto a luglio 2014, durante il quale ne furono immatricolate 114.793. Un dato leggermente più basso rispetto a giugno 2015 quando sono state invece immatricolate 147.332 autovetture, con una variazione di +14,86% rispetto a giugno 2014, durante il quale ne furono immatricolate 128.272. Nello stesso periodo di luglio 2015 sono stati registrati 406.614 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +11,59% rispetto a luglio 2014, durante il quale ne furono registrati 364.390 (nel mese di giugno 2015 sono stati invece registrati 366.431 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +13,48% rispetto a giugno 2014, durante il quale ne furono registrati 322.909).

Nel mese di luglio 2015 il volume globale delle vendite (538.103 autovetture) ha interessato per il 24,44% auto nuove e per il 75,56% auto usate. Nel periodo gennaio-luglio 2015 la Motorizzazione ha in totale immatricolato 1.005.409 autovetture, con una variazione di +15,19% rispetto al periodo gennaio-luglio 2014, durante il quale ne furono immatricolate 872.856. Nello stesso periodo di gennaio-luglio 2015 sono stati registrati 2.690.806 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +8,73% rispetto a gennaio-luglio 2014, durante il quale ne furono registrati 2.474.716.

Continua il boom di FCA che ha conseguito un risultato migliore rispetto a quello del mercato e consuntiva il settimo mese consecutivo di crescita. Le vendite a luglio (oltre 37 mila) sono aumentate del 19,3 per cento, la quota – al 28,3 per cento – è cresciuta di 1,1 punti percentuali. Nel progressivo annuo FCA ha registrato quasi 286 mila vetture per una quota del 28,4 per cento. Prosegue ininterrotto l’exploit di Jeep che a luglio aumenta le vendite del 247,2 per cento rispetto all’anno scorso.