Le McLaren di Button ed Hamilton, secondo le previsioni, dovevano essere nelle prime postazioni durante le prove libere perché era stato introdotto in Germania, sulla monoposto di Woking, il nuovo pacchetto evolutivo.

Novità tecniche sulla McLaren? Sì e si vede, almeno in considerazione di quel che è accaduto nelle prove libere del Gran Premio di Hockenheim. Nella prima sessione non ci sono state tante indicazioni per gli osservatori.

Tutti i team, come al solito, nella prima ora e mezza di prove, ne hanno approfittato per sperimentare le nuove soluzioni tecniche studiate dagli ingegneri: i vari sensori, rilevatori di flusso, vernici fluorescenti per valutare le modifiche.

Gli appassionati di sviluppo tecnico si sono concentrati sull’osservazione della Lotus prima e della McLaren poi. La Lotus sembra abbia rispolverato l’antico F-duct, mentre per la squadra di Hamilton e Button sembrano determinanti le modifiche alle fiancate e all’ala posteriore.

Le modifiche in casa McLaren – ad ogni modo – sono state efficaci visto che Hamilton e Button hanno subito conquistato le prime due posizioni. Nel resto del fine settimana, poi, non hanno ottenuto più grandi risultati.

Nel giro dei migliori ci sono finiti un bel po’ di outsider, i vari Maldonado, Perez e Grosjean che hanno messo in fila gli avversari più temibili. Tempi altissimi per la Red Bull che invece, con Vettel, sul bagnato, aveva ottenuto anche un bel piazzamento.