In Bahrain la gara l’hanno fatta gli outsider, Grosjean e Raikkonen che sono arrivati secondi soltanto a Vettel che dall’inizio della stagione non era ancora riuscito ad imporsi come l’hanno scorso. 

Peccato che per la squadra di Woking siano arrivati soltanto quattro punti per merito di Hamilton che comunque si conferma il campione più costante della squadra. Button, invece ha perso parecchio terreno e per una foratura ha deciso poi di lasciare la gara a pochi giri dal termine.

Insomma un magro bottino che invita anche alla riflessione: il fatto che la Formula 1 sia diventata molto più equilibrata deve essere considerato un particolare positivo per lo spettacolo restituito o al contrario i big del Circus devono ripensare al loro strapotere?

Hamilton cerca di minimizzare l’incidente di percorso che si chiama Gp del Bahrain dicendo che c’è ancora da lavorare un po’ sulla vettura e soprattutto migliorare le soste ai box. La prossima v0lta, a patto che la McLaren sia competitiva e in forma, non si potranno fare errori di nessun tipo.

La squadra ad ogni modo non ha sbagliato. Sono stati errori, come se ne possono compiere sempre soprattutto in momenti difficili. Adesso però anche la McLaren è chiamata a riflettere sull’uso che fa delle gomme, un po’ come ha pensato di lavorare anche la Ferrari.