Mazda Skyactiv la soluzione ecologica con alte prestazioni su strada.

Interventi sul telaio, sul motore, sul cambio e i freni hanno consentito un miglioramento dei precedenti modelli in commercio con un notevole risparmio di carburante e un’ottima performance su strada, anche in termini di sicurezza.

Quando un consumatore è di fronte all’acquisto dell’auto ibrida, dell’auto ecologica, è costretto sempre a scegliere tra performance e inquinamento ambientale, tra design ed efficienza.

Con un lavoro di innovazione costante, i produttori della casa automobilistica di Hiroshima, hanno coniugato design, prestazioni elevate e rispetto dell’ambiente, il tutto nella nuova Mazda Skyactiv.

Per prima cosa hanno pensato di partire dal miglioramento dei precedenti modelli di vetture, lavorando sul peso dell’auto, sul consumo di carburante e sul tipo di motore.

Il che vuol dire che non hanno partorito soltanto una nuova macchina ma hanno pensato ad una nuova serie Mazda che già nel primo trimestre 2012 dovrebbe fare l’ingresso nel mercato con la CX5, il suv compatto.

Riguardo ai motori, ne sono stati pensati due a 2.0 litri, la cui cilindrata può variare in base alle esigenze ma entrambi con una compressione 1:14. Il che vuol dire che si tratta di motori molto efficaci ma con uno scarso consumo di carburante.

L’intervento sul telaio ha ridotto il peso della Mazda Skyactiv del 10% che così consuma anche il 15% in meno di carburante (rispetto alla Mzr 2.0 tuttora in circolazione).

La Skyactiv-D a diesel pesa il 20% in meno del precedente modello Mzr-Cd e rispetta le norme Euro 6.

Qualche intervento è stato fatto anche su cambio e frizione consentendo un’altra contrazione di consumi di carburante. I lavori sul telaio hanno alleggerito il peso della vettura consolidando gli standard di tenuta della strada e sicurezza.