La Mazda ha sempre realizzato auto competitive dal design molto particolare. Una su tutte è la RX-7 che ha avuto ben tre edizioni, poche ma sufficienti per entrare dalla realtà nell’aura del mito, grazie anche ai videogiochi e ai film che ne hanno celebrato le prestazioni.

Chi non ricorda la Mazda RX-7 in film come Fast and Furious, o addirittura nella due serie di videogiochi Gran Turismo e Need for Speed? A livello di motore la contraddistingueva il Wankel-sistema rotativo che era davvero unico.

All’inizio la Mazda aveva come obiettivo quello di conquistare il mercato orientale ma è bastato poco per far sì che spopolasse anche in Europa e negli Stati Uniti. La prima edizione aveva la configurazione classica della vetture sportive. Un design molto poco morbido, linee spigolose e sfuggenti. Somigliava parecchio alla Porsche 924 con cui pensava di competere. La prima versione è del 1978.

La seconda edizione, arriva diversi anni più tardi, nel 1989. Una potenza superiore, fino a 160 cavalli con tanto di turbo. Così fu venduta anche in Italia, sportiva, con fanali posteriori e luci dei freni rotonde. A sbirciare online, si trovano diverse foto che vi fanno immediatamente tornare alla memoria queste frecce giapponesi.

La terza serie è stata lanciata all’inizio degli anni Novanta, precisamente nel 1991, ma per arrivare in Europa ci volle qualche anno. Era sovralimentata e nella versione venduta nel Vecchio Continente riusciva a raggiungere i 239 CV.