La volevano più potente, con più allungo e ancora più coinvolgente nella spinta, questo chiedevano gli appassionati alla nuova Mazda MX-5 2 litri che, con i suoi 160 CV, era forse troppo vicina a livello di potenza alla 1.5 da ben 131 CV. Così, gli ingegneri giapponesi li hanno accontentati ed ecco che adesso è quasi impossibile trovare punti deboli alla roadster più venduta al mondo.

Esterno: originale e raffinata

La MX-5 è una roadster pura, due posti secchi, che non bada a compromessi, per cui la linea è essenziale, con la coda corta e il frontale al centro della scena. Ma la siluette della scoperta di Hiroshima è anche la massima espressione del Kodo Design che prende spunto dalle forme della natura ed ecco che il suo sguardo felino risulta ammaliante e ipnotizzante allo stesso tempo. Con la variante RF il tetto rigido la trasforma in una sorta di targa, e scompare in 12 secondi lasciando alla vista i due montanti collegati da un roll-bar. C’anche un piccolo lunotto e la linea varia rispetto alla versione classica anche per via della cornice del parabrezza verniciata nello stesso colore della carrozzeria. Il consiglio però è di aprirla da fermi perché la velocità consentita per l’operazione, 10 km/h, è un filo troppo bassa per compierla in scioltezza mentre siete nel traffico.

Interno: essenziale e ben curato

Se siete alla ricerca di una scoperta per viaggiare circondati da tanto spazio a bordo allora la MX-5 non fa per voi, ma se desiderate una sportiva che vi calzi come un guanto e con tutti i comandi al posto giusto allora ecco che diventerà la vostra compagna di viaggi ideale. Viaggi nel massimo della spensieratezza e con il cambio manuale a 6 rapporti sempre chiamato in causa perché è così naturale giocarci che sarete lieti di vedere la lancetta del grande contagiri posizionato al centro della strumentazione schizzare verso l’alto. Con l’arrivo del nuovo motore la MX-5 guadagna anche il dispositivo che ripropone nel quadro strumenti la segnaletica stradale e i limiti di velocità, mentre il display da 7 pollici del sistema d’infotainment adesso consente di dialogare al meglio con gli smartphone grazie ad Apple CarPlay e ad Android auto. Ma la novità più importante è che il volante adesso è regolabile anche in profondità per 3 cm, così la scoperta giapponese accontenta i guidatori di tutte le taglie. I sedili in pelle sono di ottima fattura, le finiture sono curate e ci sono persino le casse annegate nei poggiatesta. Manca il cassetto porta oggetti davanti al passeggero, per cui è meglio abituarsi ad utilizzare quelli posteriori, tra cui quello situato in mezzo ai sedili, decisamente il più pratico. Il bagagliaio va bene per un weekend e questo non è male considerando che è più corta di 4 metri.

Al volante: l’essenza della guida

Guidare la MX-5 2 litri con il nuovo motore da 184 CV è pura gioia dinamica, perché non solo sentirete tutti i profumi della natura e avrete il cielo come tetto, ma potrete beneficiare di un equilibrio raro da trovare su altre sportive. Dopo qualche chilometro la simbiosi con la MX-5 diventa totale e sentire l’allungo del 2 litri aspirato che canta fino a 7.500 giri diventa un’operazione da ripetere all’infinito. Così, ecco che il cambio a 6 marce, rigorosamente manuale, diventa un alleato perfetto perché la corsa è cortissima e, con la pedaliera realizzata a mestiere, il punta tacco diventa una riverenza da compiere ad ogni scalata. Troverete sempre una scusa per andare in cerca di curve visto che il volante è rapido e preciso come pochi e che i cavalli si fanno sentire con un peso di circa 1.100 kg. Adesso la ripresa è perfetta, non ci sono buchi d’erogazione, ma non si avvertivano neanche prima, e l’allungo è straordinario, anche il sound è coinvolgente. Insomma, la MX-5 con il nuovo 2 litri è maturata come un rum d’annata, è più raffinata, più intrigante, ma non ha perso la sua essenza anzi è diventata l’essenza stessa della guida. Volete sapere le prestazioni? Quelle sono su ogni depliant, sulla MX-5 2 litri che è comunque molto veloce, contano le sensazioni e quelle sono da recensione a 5 stelle su Amazon. Non che sia una voce fondamentale su questo genere di auto, ma la roadster di Hiroshima percorre 13-14 km/l nonostante sia veloce ed affilata, magari se le tirate il collo scende intorno a 10 km/l ma è sempre poco assetata. Inoltre, è pulita e rispetta già la normativa Euro 6d-temp.

Prezzo: 34.000 euro tutto compreso

Il prezzo della MX-5 2.0 RF è di 34.000 euro ma l’auto è praticamente dotata di tutto, persino di differenziale posteriore autobloccante ed ammortizzatori Bilstein. Non mancano i fari a LED, la selleria in pelle, l’impianto audio Bose ed il sistema d’infotainment evoluto e compatibile con gli smartphone.