Il segmento delle crossover da città è sempre più affollato, e l’ultima arrivata, in ordine di tempo, è la Mazda CX-3, che entra a gamba tesa in un mercato in continua espansione. La piccola a ruote alte della Casa di Hiroshima punta tutto sul design, sulla tecnologia, e sulle finiture e promette un piacere di guida che ricorda molto quello delle sue sorelle maggiori.

Per scoprirla siamo andati a Barcellona, teatro della presentazione internazionale. Dopo averla vista in foto, trovarsela di fronte, appena arrivati all’aeroporto è stata una rivelazione: l’auto è compatta, ma nello stesso tempo slanciata e aggressiva. Insomma, i concetti del Kodo design, che ripropone le forme della natura sulle vetture Mazda, sono stati elevati all’ennesima potenza, e non ci sono punti d’osservazione in cui l’auto non sia accattivante. Le varie Renault Captur, Nissan Juke, Peugeot 2008 e Opel Mokka, avranno di che preoccuparsi una volta che la CX-3 arriverà nelle concessionarie.

Tra i tratti stilistici più interessanti troviamo il frontale spiovente, il parabrezza inclinato, il montante posteriore nero, che snellisce la fiancata, ed una linea di cintura che scende verso il basso. Non manca una vista posteriore caratterizzata dal piccolo lunotto e dal doppio scarico. Insomma, è un crossover ma attinge a piene mani dalle filosofia stilistica delle coupè, delle berline sportive e dei SUV.

Se l’esterno stupisce, l’interno non è certo da meno, e non c’è il rischio di rimanere delusi una volta aperte le portiere: merito di una plancia dalle forme ricercate, di materiali da segmento superiore e da soluzioni tecnologiche all’avanguardia, come l’head-up display, presente sulle varianti più ricche. L’abitacolo, comodo per 4 persone, consente di viaggiare senza rinunce anche nel divano posteriore; infatti, non ci sono problemi con il padiglione che scende verso il basso o con lo spazio riservato alle ginocchia, e questo non è certo un aspetto da dare per scontato con uno stile così audace. Onesto il bagagliaio, con i suoi 350 litri espandibili fino a 1.260 litri, e dotato di una paratia che lo separa in due porzioni.

Dopo queste premesse, con la chiave in tasca, spingiamo il pulsante d’accensione per avviare, con tutta la curiosità del caso, il nuovo 1.5 diesel da 105 CV e 270 Nm. E’ il motore che mancava nella gamma della Casa di Hiroshima, e si sposa perfettamente con il corpo vettura della CX-3, capace di fermare l’ago della bilancia sui 1.200 kg grazie all’utilizzo di acciai ad altissima resistenza. Abbiamo scelto la variante Exceed, la più ricca, abbinata alla trazione integrale ed al cambio automatico a 6 rapporti, per esplorarne tutte le potenzialità.

Nelle strade che circondano Barcellona, ricche di tornanti, il telaio della CX-3 ha risposto in maniera concreta, concedendo il giusto spazio al rollio, per favorire il comfort di marcia, ma rimanendo rigoroso grazie alla trazione integrale, che legge le situazioni in anticipo attraverso i suoi 27 sensori. Il risultato è una condotta di guida divertente, con reazioni poco impegnative, al punto che si è portati a desiderare persino qualche cavallo in più.

Bello lo sterzo, piccolo e sportivo, accattivante la strumentazione da moto, con il grande contagiri al centro, pratico il sistema d’infotainment, gestibile sia attraverso il controller che mediante lo schermo touch del display nella parte superiore della plancia. Volendo, ci sono anche i paddles dietro il volante: una manna quando si affrontano curve in successione e si vogliono sfruttare tutti i 270 Nm di coppia.

Con prestazioni decisamente interessanti: 10,1 s per l’accelerazione da 0 a 100 km/h, 177 km/h di velocità massima ed un consumo dichiarato di appena 4l/100 km (FWD), la Mazda CX-3 sfrutta a pieno il concetto di rightsizing, ovvero la filosofia secondo la quale ogni auto deve avere il motore della cilindrata adeguata, e rifugge dalle scelte di ridurre cubatura e numero dei cilindri.

Proposta sia con unità a benzina da 2 litri, rispettivamente da 120 CV e 150 CV, nelle varianti FWD ed AWD, che con il nuovo turbodiesel da 105 CV, abbinato anch’esso alla trazione anteriore o integrale, la Mazda CX-3 ha un listino che parte da 18.800 euro (versione 2 litri benzina Essence FWD da 120 CV). La variante diesel a trazione anteriore, nell’allestimento Evolve, quella che dovrebbe andare per la maggiore sul nostro mercato, ha un costo di 21.900 euro, mentre la CX-3 a gasolio più accessoriata, dotata di trazione integrale, ha un prezzo che si attesta sui 26.750 euro.