Felipe Massa è arrivato a Shanghai e ad accoglierlo, come spiega il sito della Ferrari, c’è stato un tempo nuvoloso. Ma ombroso è anche il suo umore. Il brasiliano sa di dover racimolare qualche punto per la squadra e per se stesso dopo un avvio di campionato decisamente sotto tono.

La Ferrari non sta facendo una gran bella figura con Massa che a differenza del compagno di squadra – che in questo momento guida la classifica mondiale – non riesce davvero ad andare a segno.

Massa si è confrontato anche con il connazionale che corre in Indycar, Rubens Barrichello e si è trovato d’accordo nel constatare che con una macchina migliore potrebbe ritrovare la fiducia. Per il momento il brasiliano si dice soddisfatto dell’allenamento fatto a casa.

In queste settimane di pausa, infatti, è stato a Maranello dove ha lavorato al simulatore e si è preparato con metodo all’appuntamento cinese. Sotto la lente d’ingrandimento dei tecnici della Ferrari ci sono finiti tutti i malfunzionamento che hanno compromesso le gare precedenti a Melbourne e in Malesia a Sepang.

Le migliorie dovrebbe garantire prestazioni migliori sia in Cina che in Bahrain, se le squadre decideranno di correre anche nel Golfo Persico.

Massa, nel blog ufficiale ripercorre i gran premi già disputati a Shanghai:

L’anno scorso in Cina ho finito la gara al sesto posto ma soltanto nell’ultima porzione della corsa sono stato in difficoltà perché non riuscivamo più a mantenere con le gomme Prime il ritmo che avevamo con le Option. Peccato, perché ricordo che ero ancora al secondo posto al giro 43. Due volte sono salito sul podio a Shanghai: sul terzo gradino nel 2007 e sul secondo nel 2008. E’ una pista che mi piace: ci sono tanti tipi di curve e un rettilineo lunghissimo dove già prima dell’era del DRS si potevano fare dei sorpassi. Certo, quest’anno soffriamo un po’ soprattutto come velocità di punta, quindi per noi non sarà facile. Però non è automatico che chi vada più veloce alla fine obbligatoriamente vinca…