Il troppo caldo porta addirittura allo sciopero. Sembra una storia surreale e invece è quello che è successo veramente a Grugliasco, vicino a Torino, dove ha sede la Maserati.

I lavoratori si sono fermati, in segno di protesta, per un’ora al mattino e un’altra ora al pomeriggio. Il motivo di tale sciopero temporaneo, il caldo eccessivo.

A scioperare sono stati una parte dei lavoratori del reparto montaggio, quelli dove l’attività fisica la fa da padrona e dove, ovviamente, le alte temperature si sentono oltremodo.

“I lavoratori – spiega il segretario torinese della Fiom, Federico Bellonohanno deciso una fermata di un’ora in una zona in cui in questi giorni la temperatura è molto alta, e tutto questo in uno stabilimento di recente ristrutturazione”.

Purtroppo è difficile riuscire a capire cosa possa fare la casa madre, visto che il clima non lo si può di certo controllare a priori, anzi.

L’unica cosa che si può rimproverare a Maserati è, forse, quello di non avere predisposto delle soluzioni per il caldo eccessivo, quali condizionatori e affini.

La Maserati è l’azienda produttrice d’automobili sportive fondata a Modena, oggi con sede a Grugliasco in provincia di Torino e per lungo tempo impegnata in differenti categorie automobilistiche grazie alla propria Squadra Corse.