Al Salone di Seul, capitale della Corea del Sud, Maserati ha schierato la gamma del presente e un’anticipazione del futuro. Protagonista di oggi è la Maserati Quattroporte equipaggiata del motore V6 Twin Turbo da 350 cavalli, specifico per il mercato coreano mentre il futuro, espresso in termini di linguaggio stilistico, è appannaggio della Maserati Alfieri Concept, recente vincitrice del premio “Concept Car of the Year 2014″.

Maserati Alfieri Concept e Quattroporte da 350 CV

Novità del mercato locale, la Quattroporte presentata monta la raffinata architettura V6 Twin Turbo da 350 cavalli e rappresenta, tra le varianti con motore a benzina, l’ingresso nel mondo delle ammiraglie della Casa del Tridente. Le prestazioni, per questa versione a trazione posteriore, sono di riferimento: 267 km/h di velocità massima; 0-100 km/h in 5,6 secondi e il cambio automatico a 8 rapporti, comune alle berline Maserati. Sullo stand, al vertice della gamma, è esposta la più potente delle Quattroporte, ovvero la GTS equipaggiata del V8 Twin Turbo da 530 cavalli a trazione posteriore, in grado di spingere la vettura alla velocità massima di 307 km/h e di raggiungere i 100 km/h in soli 4,7 secondi.

A Seul anche Ghibli e GranTurismo MC Stradale

Presente anche Ghibli, prima berlina executive del segmento E, per Maserati - è presente in due versioni: con il performante motore diesel V6 da 275 cavalli a trazione posteriore e con il V6 Twin Turbo da 410 cavalli e sistema Q4 per la trazione integrale che garantisce uno scatto 0-100 km/h di appena 4,8 secondi e prestandosi ad un ampio utilizzo su ogni tipo di fondo stradale. Il DNA racing della Casa del Tridente è rappresentato dalla più potente delle coupé: la GranTurismo MC Stradale Centennial Edition - con motore V8 aspirato da 4.7 litri e 460 cavalli – che può ospitare comodamente quattro adulti. Al suo fianco, foriera della bella stagione, una GranCabrio Sport, versione aperta a quattro posti, dotata dello stesso motore della GranTurismo MC Stradale, ma con cambio automatico a 6 rapporti.