E’ stata inaugurata questa mattina a Modena la mostra dedicata al centenario della Maserati che ripercorre il percorso del costruttore italiano attraverso l’esposizione di alcuni tra i più significativi modelli da strada e da pista. La “MASERATI 100 – A Century of Pure Italian Luxury Sports Cars” è uno spettacolo realizzato con 19 diversi proiettori, che permettono al visitatore di rivivere la storia della casa del Tridente e conoscere i personaggi che l’hanno scritta. Allestita nella avveniristica struttura del Museo Enzo Ferrari, a pochi metri di distanza dalla sede della Maserati in Viale Ciro Menotti, resterà aperta al pubblico fino a gennaio 2015.

All’inaugurazione erano presenti il CEO della Maserati Harald Wester e il Presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo. Con loro, i cugini Carlo e Alfieri Maserati, rispettivamente figli di Ettore ed Ernesto Maserati, i due fratelli che, insieme ad Alfieri Maserati, nel 1914 fondarono l’azienda che ancora oggi porta il loro nome. Ospite d’onore all’inaugurazione il leggendario Stirling Moss, pilota della Maserati negli anni Cinquanta con la quale conseguì straordinarie vittorie. “Il centenario non poteva cadere in un periodo migliore della nostra storia - ha detto Wester -. La Maserati oggi è infatti una azienda in piena salute, con modelli nuovi che hanno incontrato il favore di un pubblico sempre più vasto ed altri, in lavorazione, che porteranno l’azienda a raggiungere i prestigiosi traguardi di vendita che ci siamo prefissi. Questa mostra, che ripercorre il nostro primo secolo di vita è unica nel suo genere: mai in precedenza, infatti, erano state riunite sotto lo stesso tetto tutti quei modelli che hanno fatto la nostra storia”.

Montezemolo ha avuto un ruolo fondamentale nel rilancio della Maserati quindici anni fa: “Rivedo nitidamente le condizioni di quasi abbandono in cui si trovava la Maserati nel 1997 quando venni incaricato, insieme al mio team di Maranello, della responsabilità del suo rilancio. Chiudemmo i capannoni produttivi per sei mesi, restaurandoli e re industrializzandoli, costruimmo la palazzina direzionale ed il grande e spettacolare showroom e, soprattutto, demmo inizio alla progettazione ed alla produzione dei nuovi modelli dei quali uno in particolare è divenuto simbolo dell’attuale successo: la Quattroporte del 2003. A questa bella realtà si aggiunge oggi quella di gestire, come Ferrari, questo importante Museo di Modena che contribuisce a dare, al mondo intero, un messaggio inequivocabile della capacità italiana di creare, da sempre, automobili che fanno sognare”.

Le vetture Maserati stabilmente esposte sono 21 e una trentina in totale quelle che il visitatore potrà ammirare nell’arco dei sei mesi dell’apertura della mostra. Una decina di esemplari, infatti, cambieranno a rotazione per permetterne la partecipazione nei prossimi mesi alle numerose manifestazioni che ricorderanno il Centenario Maserati nel mondo intero. Nell’esposizione modenese rivivono le due anime dell’azienda: quella “sportiva”, che ha caratterizzato i primi anni di vita fino agli ultimi anni Cinquanta, e quella successiva, dedicata ai modelli stradali.  Tra i pezzi forte della mostra ci sono automobili come la Tipo 26, la prima vettura a fregiarsi del marchio Maserati; e la V4 Sport Zagato, che stabilì il record mondiale di velocità nel 1929 con Baconin Borzacchini, ricarrozzata nel 1934 da Zagato e premiata nel recente Concorso d’Eleganza Villa d’Este.

Non poteva naturalmente mancare la Maserati 250 F vincitrice del Mondiale di Formula Uno con Juan Manuel Fangio nel 1954 e nel 1957, che contribuì a costruire il mito della Casa del Tridente negli anni Cinquanta. Passando alla produzione stradale, tra le vetture esposte c’è un modello che rappresenta la prima Maserati stradale: l’A6 1500 del 1947 carrozzata da Pinin Farina, realizzata partendo da un motore da competizione. Presente anche la 3500 GT del 1957, la prima vettura granturismo, e la prima serie della “berlina più veloce al mondo,” la Quattroporte del 1965 appartenuta a Marcello Mastroianni. Per il valore storico dei modelli esposti, si tratta della maggiore rassegna di vetture Maserati mai organizzata al mondo.

LEGGI ANCHE

Vendite Maserati: successi in Italia ed Europa

Maserati 100 anni: ecco i due modelli che celebrano il centenario