Il mondo dei motori si è svegliato con una tragica notizia: la 33enne María de Villota è stata trovata senza vita presso l’alberto di Siviglia nel quale alloggiava .Era stata scelta come test driver per la Renault nel 2009 diventando la prima donna spagnola a sbarcare in Formula 1.

Nel 2012 era entrata nel circus come test driver della Marussia e il 3 luglio 2012 a Duxford ha rischiato la vita in uno spaventoso incidente che gli provocò gravi ferite alla testa e la perdita dell’occhio destro. La notizia arriva durante le prove libere del GP del Giappone e i piloti sono sgomenti. Fernando Alonso ha fatto avere le sue condoglianze alla famiglia di Maria: ”Prego per lei e la sua famiglia. Era molto amata in tutto il mondo, non so che dire…”. 

In un’intervista successiva all’incidente Maria aveva dichiarato: ”Ora ho una nuova opportunità e voglio viverla al 100%. Prima pensavo solo alla Formula 1, ora mi rendo conto che c’è una vita oltre le corse e sono sicura che il meglio deve arrivare. Mi sento meglio, anche se questa e’ una gara di resistenza. L’incidente mi ha dato una nuova prospettiva sulla vita, sulle cose che contano”.  A Siviglia avrebbe dovuto partecipare a un congresso organizzato dalla fondazione “Lo Que De Verdad Importa”. Il 14 ottobre avrebbe presentato il suo libro “La vida es un regalo”.

Tutta la redazione di Leonardo.it si stringe attorno a famiglia e amici.