Pastor Maldonado che in questa prima parte della stagione si è tolto le sue soddisfazioni, era uno degli outsider più attesi nella domenica valenciana. Invece il suo Gran Premio d’Europa si è concluso con un incidente ed una penalizzazione che hanno soltanto portato giovamento agli avversari. 

Forse Pastor Maldonado è ancora troppo giovane per comprendere che una guida aggressiva come la sua non si adatta ad ogni tracciato, anzi, in alcuni casi può essere del tutto deleteria.

A Valencia, per esempio, alla fine della gara i giudici hanno deciso di infliggergli ben 20 secondi di penalizzazione e Pastor ha perso la decima posizione conquistata con le unghie e con i denti. Fortunatamente quei punti agguantati tenacemente sono rimasti in casa Williams, nelle mani di Bruno Senna.

Il fatto è che i commissari di gara ci hanno visto un bel po’ di malizia nella sua manovra. Il venezuelano ha causato l’incidente con Hamilton, ha vanificato gli sforzi della McLaren che comunque in gara stava soffrendo un po’ l’usura degli pneumatici.

Hamilton era in difficoltà. Ha visto arrivare a dietro Maldonado che ha pensato per un momento di poter salire di nuovo sul podio. Peccato che nel tentativo di sorpassare Hamilton, si sia reso conto di non avere abbastanza forza nel motore ma anziché desistere e riprovare in un punto più agevole, ha speronato l’avversario.