La Lotus continua nell’opera di affinamento dei suoi modelli, e così, dopo la Elise celebrativa, per i 20 anni della spiderina inglese, ecco che è in procinto di arrivare anche una Exige più cattiva che risponde al nome di Club Racer.

L’auto sostanzialmente è quella conosciuta, quindi una 2 posti estremamente leggera e con un grande cuore sovralimentato, ma presenta alcuni cambiamenti estetici ed un peso inferiore di 15 kg rispetto alla versione “convenzionale”.

Infatti, grazie all’utilizzo di materiali leggeri per la batteria, le porte ed i sedili, la massa complessiva della vettura è di 1.161 kg, un valore decisamente contenuto che, abbinato ad un propulsore 3.5 V6 da 345 CV e 400 Nm, consente alla Exige S Club Racer di scattare da 0 a 100 km/h in appena 4 secondi e di raggiungere una velocità massima di 274 km/h.

Grazie alla livrea arancione (ma sarà disponibile anche in bianco, in nero ed in giallo metallizzato), la Exige in questione risulta facilmente riconoscibile. Ma non è tutto, per essere ancora più esclusiva, la Club Racer presenta uno splitter che va ad arricchire il frontale con le grandi prese d’aria; inoltre, vanta elementi in nero, come la zona che circonda la grande apertura tra i fari anteriori, i cerchi in lega e la grande ala posteriore.

Quest’ultima non serve solamente a conferirle un’immagine racing, ma contribuisce ad aumentare il carico aerodinamico, fornendo 42 kg ad una velocità di 161 km/h. Insomma, aerodinamica e abbattimento del peso, i due principi fondamentali a cui teneva fede per le sue creature il fondatore della Casa britannica, il mitico Colin Chapman.

Dunque, il nuovo corso Lotus passa attraverso modelli come questo, destinati agli appassionati, ai cultori del Marchio, perché in un mercato in cui tutti tendono ad uniformarsi, il Brand inglese vuole rimanere fedele ai suoi valori, magari evolvendoli, ma senza stravolgerli in nome del compromesso.