Che la nuova Opel Astra OPC sia molto vicina ad un’idea di auto da corsa è cosa ormai nota: 280 CV e 400 Nm di coppia ne sono la prova. E allora perché non dotarla di un sistema che ne analizzi la telemetria, restituendo al pilota i dati relativi a tempi sul giro, pressione del turbo, accelerazione laterale, per un totale di 60 valori? Il tutto avviene però non tramite il sistema di infotainment presente sull’auto, ma grazie ad un app specifica per smartphone e tablet (per ora iPhone e iPad di 2a generazione, in seguito anche per sistemi Android) che tramite alla rete CAN-bus si connetta alla vettura.

Per i più competitivi c’è la possibilità di salvare le proprie prestazioni e confrontarle poi con gli altri utenti. Inoltre, disponibile a richiesta al momento dell’acquisto o in after market, ci sarà una sorta di “scatola nera” in grado di trasmettere in tempo reale tutte le informazioni sul proprio iPhone su frequenza di 30 Hertz. Per finre si può avere anche un supporto per il melafonino, così da averlo sempre al posto giusto.