Manca una sola prova alla conclusione del Campionato Italiano Rally 2014 ma il weekend del rally dell’Adriatico ha già emesso numerosi verdetti: Peugeot ha conquistato l’ottavo titolo costruttori nella competizione tricolore (QUI IL REPORT). La casa francese può sorridere anche per il successo della Peugeot 208 R2 del giovane Giacomo Scattolon, vincitore del CIR Junior, e della Peugeot 207 S2000, portata alla vittoria nel Trofeo Rally Terra dal veterano Renato Travaglia. All’appello c’è ancora da assegnare il titolo piloti con Paolo Andreucci che si giocherà le sue carte nell’ultimo appuntamento, il Rally delle due Valli.

Grazie all’ospitalità di Peugeot, abbiamo vissuto in prima persona le emozioni del Rally del Friuli. Vedere sfilare questi bolidi su strada è davvero impressionante. La preparazione di una corsa del genere è minuziosa: il weekend di gara inizia ufficialmente con le ricognizioni di pilota e navigatore che poi devono tirare fuori tutto il loro talento e sfruttare al massimo la macchina nelle speciali in programma.

Ma dietro ai due equipaggi ufficiali di Pegueot Italia c’è un lavoro oscuro che sfugge spesso agli occhi degli appassionati. Dai meccanici all’hospitality fino agli operatori e agli addetti stampa. Il rally è senza dubbio lo sport motoristico più completo che richiede una squadra affiatata e un lavoro minuzioso. In questo video andiamo alla scoperta di un mondo emozionante che porta fiumi di gente sulle strade.

LEGGI ANCHE

Rally del Friuli 2014: dominio Andreucci e doppio successo Peugeot

Peugeot 208 T16 test drive: l’indomabile Leone di Andreucci

Peugeot 208 R2 test drive: Leonardo.it prova l’auto di Albertini

Peugeot 208 R2: il video di Leonardo.it

Andreucci-Andreussi coppia vincente, l’intervista di Leonardo.it

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni