A Silverstone abbiamo visto almeno due cose interessanti: il duello tra Lorenzo e Stoner che ha visto prevalere il maillorchino e la grande rimonta di Crutchlow che se avesse avuto qualche giro in più, avrebbe insidiato perfino il quinto posto di Spies. 

Al di là delle considerazioni generali, trite e ritrite, vogliamo provare a concludere la nostra serie di pagelle, dando un voto anche agli altri piloti che hanno corso rientrando nella top ten di Silverstone.

Abbiamo visto da un lato le pagelle di Stoner e Lorenzo, dall’altro abbiamo messo sotto la lente d’ingrandimento le performance di Pedrosa, Bautista e Spies. Adesso prendiamo in esame la gara portata a termine da Crutchlow, Hayden, Bradl, Rossi e Barbera.

Chi è il grande protagonista di Silvestone insieme a Lorenzo? Sicuramente Crutchlow, per questo gli diamo un dieci, a prescindere dal fatto che si è classificato sesto.

Hayden porta ancora alto il nome della Ducati e mentre il compagno di squadra si perde in chiacchiere, Nicky fa tutto quel che può con una moto su cui i tecnici di Borgo Panigale devono comunque lavorare ancora molto. Un sette ci vuole!

Bradl è arrivato ottavo, precedendo di poco Rossi, ma nessuno se n’è accorto. Una gara tranquilla, forse anche troppo, per questo ci va di dargli solo un sei.

Le lamentele di Rossi hanno stufato e poi sinceramente, nessuno si aspetta più di vederlo tra i primi. Un po’ è la moto che non va, un po’ è lui che non riesce ad essere meno spocchioso di così: quattro.

Va leggermente meglio Barbera che porta a termine una gara davvero sofferta. Perde posizioni a causa delle gomme, poi nel finale si riprende e riesce a rimanere incollato alla decima posizione. Sei.