Vettel è sempre al centro delle polemiche perché l’anno scorso è stato campione del mondo vincendo quasi tutti i gran premi e quest’anno, dopo lo “scherzetto” dei carichi soffiati, al volante di un’auto più lenta, non ha saputo esprimere il suo talento.

Vettel è un vero campione oppure è soltanto un driver discreto che ha saputo fare la fortuna con una macchina superveloce l’anno scorso? E’ questa una delle domande più frequenti nel campionato in corso. Forse perché a sorpresa è venuta fuori la Ferrari che tutti davano ormai per spacciata.

Anche in un semplice preambolo, il paragone Ferrari-Red Bull è naturale, sia dal punto di vista meccanico e motoristico, sia da quello sportivo. L’ultimo in tal senso a parlare è stato il tre volte campione del mondo, l’austriaco Niki Lauda.

Lauda ha corso con per la scuderia di Maranello e alla Ferrari è rimasto legato. La sua opinione, in soldoni, è che Vettel ha tutto da imparare da Alonso:

Nel 2011 Vettel ha beneficiato di un vantaggio enorme dovuto a una vettura straordinaria. Ora deve lottare come un animale in ogni corsa. Il livello di stress in questa stagione è nettamente più alto, perché sono tutti molto vicini. Ecco in certi frangenti Vettel dovrebbe imparare da Alonso; nelle situazioni difficili lo spagnolo è superiore a chiunque altro.