Chi non si è imbattuto, almeno una volta, in una delle tante buche presenti lungo le nostre strade? Veri e propri crateri in miniatura in grado di rovinare cerchi, di bucare pneumatici e di mettere a repentaglio la sicurezza.

Per questo Jaguar Land Rover ha sviluppato un sistema hi-tech per arginare il problema, o quanto meno per combatterlo in maniera efficace, coinvolgendo persino le istituzioni. Come mostra un video, l’auto legge il fondo stradale, segnala la situazione al guidatore, e invia foto e dati alle istituzioni e persino alle altre vetture.

Dunque, la guerra alle buche passa attraverso un dispositivo denominato Pothole Alert, che si basa sul cloud e la comunicazione tra i veicoli. Si tratta di un sistema che aiuta il guidatore segnalandogli la presenza dell’asperità stradale e consentendogli, quando possibile, di evitarla.

Grazie ad una telecamera anteriore e ad altri sensori, l’Evoque sulla quale è montato il Pothole Alert può monitorare il tratto stradale attraversato dalla vettura e, in collaborazione con il comune di Coventry, consente di condividere foto, informazioni e le posizioni Gps delle buche in modo che le istituzioni possano programmare gli interventi di manutenzione stradale.

Ovviamente, per garantire anche il maggior comfort possibile, unito ad una tenuta di strada importante, i tecnici di Jaguar Land Rover hanno sviluppato anche un sistema di controllo delle sospensioni denominato MagnaRide, capace di regolarle istantaneamente attraverso un liquido speciale che contiene particelle che possono essere attivate mediante un campo magnetico.

Dunque, se in un prossimo futuro le strade non saranno perfette, ci penseranno le auto a renderle tali, o quanto meno a segnalare tutte le imperfezioni presenti e, magari, quando non gli interventi delle istituzioni non saranno celeri, i guidatori potranno evitare spiacevoli impatti mediante le rapide segnalazioni di questi sistemi futuristici.

L’auto quindi è sempre più interattiva e infarcita di tecnologia, al punto che la meccanica non svolge più quel ruolo preponderante degli anni passati.