Un nuovo video, messo a disposizione dalla Casa del Toro, svela le tre anime della Huracan, che poi è la stessa, quella infinitamente sportiva, mostrata sia dalla coupé che dalla spyder e dalla variante a trazione posteriore.

Si parte contemporaneamente dal Portogallo, dalle Alpi Italiane e dal Nord della Francia, per poi giungere, dopo ruggenti accelerazioni, su un circuito in cui i tre bolidi made in Sant’Agata Bolognese viaggiano appaiati come a sottolineare la stessa indole taurina.

In comune, le tre vetture hanno il possente motore V10 da 5,2 litri, rigorosamente aspirato, che suona come un propulsore delle recenti F1 a 10 cilindri mentre proietta le Huracan in avanti. Le potenze in ballo vanno dai 580 CV della LP 580-2, fino ai 610 CV delle altre 2 versioni dotate di trazione integrale.

Mentre le prestazioni vedono la Huracan LP 610 sfrecciare da 0 a 100 km/h in appena 3,2 secondi, contro i 3,4 secondi della trazione posteriore, prima di raggiungere una velocità massima di 325 km/h snocciolando tutti i sette rapporti della trasmissione a doppia frizione con comandi al volante. La versione a 2 ruote motrici si ferma a 320 km/h.

Chiaramente, anche l’estetica rivela i diversi caratteri delle tre Huracan del video, con quella a trazione posteriore rivista nel frontale, la scoperta, con la capote in tessuto apribile in 17 secondi e fino ad una velocità di 50 km/h, e la coupé integrale pulita e spigolosa nel frontale come uno squalo.

Tutte le vetture del video sottolineano la natura esplosiva, corsaiola, e grintosa del Brand Lamborghini, con la 2 ruote motrici, che rappresenta il lato più selvaggio, con la spyder, che incarna quello più versatile, e con la coupé a 4 ruote motrici, che mostra quello più concreto.

In ogni caso si tratta di sfumature appartenenti ad auto che possono vantare un medesimo, autentico, DNA Lamborghini.