Il 2014 è stato un anno molto buono per Lamborghini, che ha chiuso con numeri record per quanto concerne vendite e fatturato. L’azienda ha registrato un miglioramento dei principali dati finanziari: su tutti, il dato che più interessa è quello delle vetture consegnate ai clienti a livello mondiale, che sono passate dalle 2.121 del 2013 alle a 2.530 del 2014, per una crescita pari al 19%.

Di conseguenza, aumentato anche il fatturato dell’azienda, che ha registrato un più che positivo +24% passando da 508 milioni di euro a 629 milioni di euro. A trainare l’azienda sono state soprattutto Lamborghini Aventador e la nuova Huracán, vetture accolte con grande successo: “Per il quarto anno consecutivo Automobili Lamborghini ha ottenuto risultati molto soddisfacenti. I dati record sottolineano l’attrattività della nostra gamma nonché la forza del nostro brand, del prodotto e della strategia commerciale a livello mondiale”, ha affermato Stephan Winkelmann, Presidente e AD di Automobili Lamborghini.

Inoltre, cosa da non sottovalutare affatto, presso la sede centrale di Sant’Agata Bolognese si è raggiunta la piena capacità produttiva per l’anno in corso: “L’Azienda ha imboccato la strada verso il futuro contando su una base economica molto solida – ha proseguito Winkelmann – grazie a un mix di modelli molto accattivante e a investimenti costanti prevediamo una fase di forte crescita nel medio termine, purché i mercati si mantengano stabili”.

Lamborghini, marchio di lusso che opera a livello globale, nel 2014 ha assunto 192 tecnici e specialisti altamente qualificati portando così l’organico a 1.175 dipendenti a tempo indeterminato. Per l’eccellenza raggiunta nella gestione delle risorse umane, ha ricevuto numerosi riconoscimenti importanti nel 2014. Fondata nel 1963, 130 concessionari in tutto il mondo, in mezzo secolo di vita Lamborghini ha dato i natali a vetture da sogno: dalla 350 GT alla Miura, e poi Espada, Countach, Diablo, Murciélago e molte altre.