Far tornare all’antico splendore la mitica Lamborghini Miura? E’ possibile, se ci si rivolge al PoloStorico della Casa di Sant’Agata Bolognese, dove le sportive del Toro possono essere ripristinate anche nei minimi particolari, come è accaduto ad una splendida Miura nata nel 1971.

Con 45 anni sulle spalle, la bellissima sportiva a motore centrale doveva essere riportata alle condizioni originali, praticamente quelle in cui apparse al Salone di Ginevra dell’epoca. Per questo gli uomini Lamborghini hanno lavorato sodo, per un anno intero, e il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Lo scopo è quello di mostrarla all’Amelia Island Concours d’Elegance, ma è ancora più interessante, per gli estimatori del genere, sapere che il modello in questione è in realtà un prototipo di pre-produzione, classificato come una “one-off” in quanto ha un numero di componenti della Miura S, così come elementi che si sono visti successivamente sulla versione SV.

L’auto è stata accuratamente restaurata utilizzando anche foto e documenti storici, e ricorda molto da vicino la vettura che ha debuttato a Ginevra 45 anni fa. Gli uomini Lamborghini hanno rivitalizzato un gran numero di componenti e rinnovato l’interno che dispone di rivestimenti in pelle marrone chiaro.

Alcuni elementi sono stati sostituiti, ma la Lamborghini ha voluto che l’auto fosse più autentica possibile per questo ha utilizzato soprattutto pezzi originali dell’epoca. Il motore della vettura è stato revisionato e il modello in questione è tornato alla sua livrea verde metallizzata.

Enrico Maffeo, a capo del PoloStorico Lamborghini ha dichiarato: “Questa vettura non solo illustra il fascino iconico della Miura, ampiamente riconosciuta come la madre delle sportive moderne, ma rappresenta anche un perfetto esempio delle competenze disponibili presso il PoloStorico Lamborghini per realizzare dei restauri autentici “. Insomma, il reparto dedicato alle storiche della Lamborghini offre un lavoro certosino, che sicuramente porterà ancora più in alto le quotazioni delle auto storiche nate a Sant’Agata Bolognese, ma soprattutto, consentirà ai collezionisti di mantenerle il più possibile originali.