Dopo averla vista a Parigi, sono stati in molti a desiderare la produzione della Lamborghini Asterion: un’ibrida con il Marchio del Toro ben impresso nel frontale e basse emissioni inquinanti. Anche la sua linea elegante e priva degli eccessi delle altre vetture made in Sant’Agata ha colpito positivamente critica e appassionati, tanto che adesso in rete si susseguono rumors di un’eventuale messa in produzione.

Certo, secondo il CEO Stephan Winkelmann, il prototipo esposto al salone dell’auto francese è solamente una dimostrazione tecnologica delle potenzialità Lamborghini, ma Autocar parla di un eventuale prezzo d’acquisto che, secondo fonti vicine alla Casa del Toro, dovrebbe aggirarsi intorno ai 440.000 euro.

Se così fosse, l’Asterion costerebbe più di un’Aventador (oltre 110.000 euro in più), ma a conti fatti, grazie al suo consumo ridotto, 4,2l/100 km in modalità ibrida, e 50 km d’autonomia ad impatto zero (ad una velocità massima di 125 km/h), alla lunga consentirebbe persino di risparmiare nelle soste dal benzinaio.

Chiaramente, la sua vocazione per l’ambiente (emette solamente 98 g/km di Co2) non limita le sue potenzialità prestazionali, perché i 910 CV che riesce a trasmettere sull’asfalto le consentono di scattare da 0 a 100 km/h in appena 3 secondi e di superare i 320 km/h.

Al momento, l’eventuale disco verde per la produzione rimane solamente un’ipotesi, ma considerato l’interesse suscitato dall’auto, ci potrebbe essere un ripensamento da parte dei vertici della Casa di Sant’Agata, o almeno questo è quello che si augurano in tanti.