Sono passati circa due mesi dalla conclusione della grande festa per i 50 anni della Lamborghini. “Il grande giro”, così lo hanno chiamato. Una lunga parata di vetture, ben 350, uscite dalla prestigiosa fabbrica di Sant’Agata Bolognese, attraverso alcune tra le più suggestive località italiane: dal Castello Sforzesco di Milano a Forte dei Marmi, da Grosseto a Pisa, da Arezzo a Roma, da Bologna a Sant’Agata, appunto. E la festa si è conclusa con la presentazione di un esercizio di stile da parte di Walter De Silva, capo del design del gruppo Volkswagen: un nuovo modello, serie unica, la Lamborghini Egoista. Senza dimenticare la versione speciale (come se l’altra fosse ordinaria) della Aventador.

Esattamente mezzo secolo fa, Ferruccio Lamborghini, industriale nella produzione di macchine agricole, fece costruire la prima automobile sportiva che portava il suo nome. La leggenda vuole che sei mesi prima, lamentandosi con Enzo Ferrari della frizione montata sulla vettura del Cavallino appena acquistata, Lamborghini si sentì rispondere che la macchina andava benissimo, ma lui era più abituato a guidare trattori. Fu la scintilla che accese l’idea per un altro capitolo della lunga storia di eccellenze italiane.

Riproponiamo qui sotto un’ampia gallery e un video sulla grande festa per i 50 anni della Lamborghini.