L’ultima appendice ai festeggiamenti per i 50 anni della Lamborghini, durati quasi una settimana e conclusi sabato sera (qui gallery e video), è un’altra Lamborghini. Si chiama Egoista. E’ un omaggio di Walter De Silva, capo designer del gruppo Volkswagen, a questa marca prestigiosa. Queste le sue parole durante la presentazione a Sant’Agata Bolognese: “Sono affezionatissimo a questo marchio italiano, poiché anch’io sono italiano. Ho voluto fare un omaggio e pensare a un automobile con la quale sottolineare che le Lamborghini sono sempre state fatte con la passione e con il cuore, più che con la testa“. Perché questo nome? “E’ come quando Ferruccio Lamborghini disse: io il motore lo metto dietro, il passeggero non lo voglio. La voglio per me, la voglio come me la immagino io. E’ una macchina fanatica, Egoista calza bene“.

E’ estrema in tutto. La strumentazione è visibile attraverso un head-up display, come negli aerei da combattimento. Per uscire dall’abitacolo, il pilota deve staccare il volante, aprire il cupolino, salire sulla carrozzeria in un punto preciso, ruotare le gambe e scendere. Il motore è un V10 da 5,2 litri e 600 cavalli.

Qui sotto una gallery dell’Egoista.