La Saab è salva e grazie alla National Electric Vehicle Sweden (Nevs) potrà continuare a produrre auto, completamente elettriche. Anzi no. Pareva che la complicata telenovela riguardante le sorti della Casa svedese fosse finalmente terminata nel modo migliore e invece ci sono ancora questioni irrisolte e forse irrisolvibili. Nel pacchetto acquistato dal consorzion svedese-giapponese-cinese infatti non era incluso l’utilizzo del marchio Saab, ancora di proprioetà della Saab AB, e le 2 parti stanno ancora contrattando.

Il rischio quindi è quello che Saab sia salva solo come tecnologia (parziale) mentre il marchio rischia di rimanere in un cassetto in attesa di tempi migliori. Gli attuali proprietari non vogliono correre il rischio che un brand famoso (nonostante le ultime peripezie) come quello svedese possa essere snaturato dalla nuova proprietà e pare stiano quindi ponderando con molta calma la decisione.

Nel frattempo però la Nevs freme e vorrebbe presentare un nuovo modello elettrico, su base 9-3, già entro la fine del 2013. Il rischio quindi è quello di vedere un’auto elettrica con le forme della berlina svedese ma senza il logo Saab. Insomma, la storia infinita, che pareva essere invece giunta finalmente a conclusione, continua inesorabile e chissà se e quando avrà una conclusione definitiva.