Come saranno le Ford del futuro? Semplice, basta guardare la Evos concept presentata a Francoforte nel settembre del 2011 e possiamo farci un’idea della direzione che prenderà il Kinetic design dell’ovale blu. Ka, Fiesta, Mondeo e compagnia bella quindi riprenderanno (anche solo in parte) le linee dell’affascinante prototipo visto in Germania, rinnovando così il proprio design.

E la Ford Mustang? Una delle pony car più famose e desiderate di sempre, capace di rinnovarsi negli anni senza perdere (quasi) mai quell’appeal unico seguirà lo stile delle sorelle più popolari o rimarrà uguale a se stessa? Se come risposta vi aspettate un “ma figuriamoci, manterrà lo stesso stile”, bhè sedetevi e preparatevi.

Pare infatti che i vertici di Ford vogliano far uscire (finalmente) la Mustang dai confini nazionali e renderne più agevole l’acquisto da parte dei suoi estimatori d’oltreoceano. Ma come? Semplice: ridisegnandola completamente, rendendola più simile proprio alla Evos Concept di cui sopra. In tal modo l’iconica auto statunitense diverrebbe più adatta ai mercati extra statunitensi e seguirebbe quanto fatto dalla Chevrolet Camaro, da poco “sbarcata” anche da noi.

E i motori? Se cambiare stile infatti potrebbe rivelarsi anche una mossa giusta, abolire la presenza del V8 sotto il cofano della futura Ford Mustang (attesa per il 2015) potrebbe rivelarsi un immane autogol. Non si può infatti scindere un’accoppiata che ha fatto storia. Si, forse proporre dei nuovi 4 cilindri EcoBoost al posto dei V6 potrebbe anche essere una soluzione nella politica dell’abbassamento dei consumi, ma cancellare di colpo un’unità mitica e storica come il V8 farebbe perdere quell’appeal unico sul quale la Ford Mustang può contare da sempre. E non dimentichiamoci della possibilità che venga adottato un sistema ibrido.