Preparare una frenata è una delle operazioni che i piloti imparano quando si mettono a cavallo di una moto ufficiale.

La posizione da assumere, il ritornello da ricordare, le azioni da compiere prima ancora di toccare il freno.

Spingere il busto in avanti con le gambe, spingere le braccia sui semimanubri e stringere le ginocchia al serbatoio.

Preparata la frenata con lo “spingi, spingi e stringi” è necessario mollare tutto il gas favorendo la decelerazione della moto e poi iniziare a frenare scegliendo il punto esatto in cui toccare i freni.

Anche il tocco sui freni non è un movimento solo, o meglio è un movimento fluido che ne contiene ben tre: un tocco leggero, una frenata decisa e il rilascio del freno.

Le sospensioni sono studiate per garantire un minimo di confort alla guida. Per questo se si dovesse iniziare la frenata in modo deciso ci sarebbe il rischio di un “affondamento” repentino della moto.

Per questo il primo tocco leggero è finalizzato a “precaricare le sospensioni”.

Dopodiché arriva la frenata decisa. In questo preciso momento il pilota deve essere sicuro che il gas sia chiuso e quindi frenare spingendo in avanti la manopola.

In men che non si dica siete arrivati alla fase conclusiva, si fa per dire, della frenata, quella in cui si rilascia il freno e si è pronti a ripartire.