In questi giorni, soprattutto in Italia si fa un gran parlare della Ferrari che ha deluso in fase di test ma rimane comunque l’ultima perla del Belpaese a poter valorizzare il Circus dopo l’addio di Trulli

Montezemolo, di ritorno dal Salone di Ginevra dove ha presentato la Berlinetta della Ferrari, ha incontrato il direttore tecnico, Stefano Domenicali per una lunga riunione. Poi ha cercato di incoraggiare la squadra in preparazione del campionato che aprirà i battenti il 19 marzo.

Certo Montezemolo non può bypassare quel che dicono Fernando Alonso e Pat Fry che hanno testato la monoposto di Maranello. Sia il pilota che l’ingegnere sono restii ad indicare una Rossa ad alti livelli, competitiva con Red Bull e McLaren.

Secondo Montezemolo, Alonso potrebbe sbagliarsi, il campionato e lungo e soltanto dopo il Gran premio australiano si potrà capire a che punto è la Ferrari. Adesso c’è solo un gran lavoro, da parte dei piloti e dei tecnici, di scoperta e miglioramento della vettura.

Secondo il presidente, però, la Ferrari ha anche un altro alibi alla sua competitività: il cambiamento dei regolamenti. Passare da una normativa all’altra di anno in anno, rende sempre più difficile sviluppare macchine stabili e veloci. Ad ogni modo da Maranello ce la metteranno tutta per non deludere i fan.