Tremate, le hypecar son tornate, al “Ring”, dove la Koenigsegg è intenzionata a stabilire nuovi record con la sua One:1 da 1.360 CV. Una belva che vuole stracciare il giro cronometrato della Porsche 918 Spyder e spaventare la McLaren che, con la P1, non ha reso nota la sua prestazione.

Certo, alla Koenigsegg non mancherà l’allungo, visto che il suo V8 5 litri biturbo impiega appena 12 secondi per farla scattare da 0 a 300 km/h e che per arrivare a 400 km/h con partenza da fermo ha bisogno solamente di 20 secondi.

La velocità massima dichiarata è semplicemente spaventosa: 450 km/h, ma questo non sarà sufficiente a renderla imprendibile nell’inferno verde, dove, cambiamenti di pendenza, variazioni d’asfalto e curve che si susseguono per oltre 20 km, rappresentano un cliente scomodo per chiunque.

Sarà il collaudatore della Casa scandinava, ovvero Robert Serwanski, a scendere in pista e a tentare l’impresa, anche se, al momento, non c’è niente di ufficiale, tranne un video che riprende il bolide, realizzato solamente in 7 esemplari, mentre si aggira per il tracciato più difficile al mondo per prenderne le misure.

Nel breve girato, la One:1, il nome le deriva dal rapporto perfetto tra potenza e peso, viaggia sorniona, quasi a voler studiare la pista, prima di affondare le ruote sull’asfalto scatenando tutta la potenza che il suo propulsore biturbo è in grado di mettere a terra.

Quindi, occhi aperti nei prossimi giorni, quando potrebbe essere annunciato un nuovo record del Nurburgring, dove la One:1 potrebbe scrivere una nuova pagina, e guadagnarsi i galloni di hypercar più veloce dell’inferno verde.

Vedremo se questa Koenigsegg ci riuscirà, o se questo video, in realtà immortala dei semplici collaudi non finalizzati ad alcun tentativo di entrare libro dei record.