Quando un pilota appende al chiodo la sua monoposto o lo fa per un problema serio di salute o si può star sicuri che tornerà presto a far parlare di sé magari in altre gare automobilistiche che non trovano risonanza nei giornali come la Formula 1.

Per esempio abbiamo provato a chiederci che fine abbia fatto Kimi Raikkonen, ex campione del mondo. Forse con un po’ di nostalgia per i “circuiti” importanti, il finlandese ha deciso di tornare ad un vecchio amore: il rally. Anche suo fratello Rami era specialista in questa disciplina.

Raikkonen, in effetti, ha guidato la sua prima auto da corsa proprio su un circuito di rally ed ora è tornato a misurarsi proprio su queste piste. È stato assente dalle gare disputate in Sardegna e in Argentina, per tornare a far parlare di sé nella gara in Grecia. Guida una Citroën.

Non conoscendo il circuito dell’Acropoli è partito con prudenza, avendo come unico obiettivo, nella prima giornata, quello di arrivare “sano e salvo” al traguardo. Dopo una foratura e qualche problema, il risultato è stato portato a casa. Il secondo e il terzo giorno sono andati molto meglio e la gara greca, Raikkonen, l’ha chiusa al settimo posto.

Nel mondiale di rally 2011 si è già classificato 8° in Svezia, 7° in Portogallo, 6° in Giordania e ancora 7° in Grecia. Non ha preso il via nelle gare disputate in Messico, in Italia e in Argentina.