Il rally è sinonimo di grande spettacolo ma è uno degli sport più pericolosi al mondo (qui alcuni incidenti scampati per miracolo). Non solo per i concorrenti ma anche per gli spettatori se si trovano in una zona di gara dove non dovrebbero stare. L’incidente capitato domenica 5 ottobre al Jolly Rally in Val d’Aosta ha rischiato di trasformarsi in una tragedia. Durante la prova speciale dal Colle San Carlo a La Thuile, la Renault Clio del pilota Pietro Scavone e del copilota Diego D’Herin è uscita troppo veloce da una curva in discesa e ha urtato un muretto basso cappottandosi più volte.

Durante il rotolamento l’auto ha sfiorato un gruppetto di spettatori che stazionavano su un muretto. Sia il pilota che il copilota sono stati trasportati all’ospedale Umberto Parini di Aosta ma, per fortuna, hanno riportato solo ferite lievi.

Anche una ragazza, schivata miracolosamente dall’auto, è stata portata in ospedale per lo shock. L’incidente, avvenuto a 800 metri dalla fine del tracciato nei pressi di La Thuile, ha fatto interrompere la prova.

LEGGI ANCHE

Trofeo Rally Terra 2014: Travaglia porta in trionfo la Peugeot 207 S2000

Campionato Italiano Rally Junior: titolo a Scattolon con Peugeot 208 R2

Rally Adriatico 2014: Peugeot vince l’ottavo titolo costruttori

Peugeot 208 T16 test drive: l’indomabile Leone di Andreucci

Peugeot 208 R2 test drive: Leonardo.it prova l’auto di Albertini

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni

Dakar 2014: le emozioni del rally raid più duro del mondo

Mini Dakar 2014: l’assurdo ordine di scuderia che ha deciso il rally