#IoSonoElettrica, il primo giro d’Italia a impatto zero, si è concluso al Museo Nazionale dell’Automobile di Torino con l’arrivo e l’esposizione per due mesi della Classe B Electric Drive firmata da studenti, sindaci, giornalisti e blogger. Da ottobre a dicembre dello scorso anno, la Classe B zero emissioni ha percorso un lungo viaggio facendo tappa in 18 città italiane e incontrando un ampio pubblico presso Concessionarie Mercedes-Benz, punti Enel, ristoranti stellati Michelin e l’Autodromo di Arese dell’ACI.

Oggi, la Stella 100% elettrica, viene consegnata a uno dei più prestigiosi musei dell’automobile del mondo, in veste di ambasciatrice della mobilità a zero emissioni: “Con il tour #IoSonoElettrica al volante di Classe B Electric Drive abbiamo attraversato tutta l’Italia – ha dichiarato Roland Schell, Presidente di Mercedes-Benz in Italia -. È stata davvero un’esperienza bellissima che ci ha permesso di raccontare agli italiani la nostra visione della mobilità del futuro. Siamo orgogliosi che la protagonista del primo giro d’Italia in automobile a impatto zero venga ospitata nel Museo Nazionale dell’Automobile di Torino, uno dei luoghi che meglio rappresenta i valori e la storia della mobilità”.

Per i prossimi due mesi, la Classe B Electric Drive potrà così essere ammirata nell’area dedicata all’innovazione: “Alla fine dell’affascinante percorso museale, dedicato alla storia della mobilità c’è una sezione che si chiama DESTINO, una riflessione sul futuro del pianeta e sulla necessità di prendersene cura, a partire dall’uso di energia pulita e mezzi di trasporto ecosostenibili - ha dichiarato Rodolfo Gaffino Rossi, Direttore del Museo Nazionale dell’Automobile -. Per questo motivo siamo particolarmente lieti di ospitare la Classe B Electric Drive, che ben rappresenta il messaggio che il museo vuole lasciare a tutti i suoi visitatori sulla necessità di pensare la mobilità futura in termini di rispetto e tutela dell’ambiente”.

#IoSonoElettrica ha attraversato l’Italia da Bari a Bolzano, passando per tante città amiche della mobilità sostenibile come Bologna, Perugia, Reggio Emilia, Modena, Piacenza, Udine, Venezia, Milano, Torino, Matera, Benevento, Genova e Firenze. Inoltre, ad H-FARM a Roncade, in provincia di Treviso, il tour ha incontrato i Concessionari Mercedes-Benz in occasione del primo Dealer Digital Lab organizzato da Quintegia, mentre a Torino Classe B Electric Drive è stata protagonista all’Assemblea Nazionale dell’ANCI, l’associazione che rappresenta i Comuni italiani. Due i testimonial d’eccezione, lo chef Davide Oldani, già ambasciatore della Stella, e Cristina Chiabotto che per una volta ha lasciato la sua smart per salire al volante della Classe B elettrica.

A farsi portavoce dei valori della mobilità a zero emissioni, a fianco di Mercedes-Benz, l’Automobile Club d’Italia, che ha presentato, al Centro di Guida Sicura ACI-SARA di Lainate – Milano, il primo protocollo di guida sicura per auto elettriche, Enel che ha messo a disposizione la propria rete di punti Enel per illustrare a clienti e appassionati le caratteristiche delle offerte dedicate all’auto elettrica, e Michelin, impegnata nello sviluppo di pneumatici a basso rotolamento, sempre più amici dell’ambiente.

Partner dell’#eTour anche Fondazione Laureus Italia che opera, infatti, all’interno delle periferie delle grandi città italiane con l’obiettivo di sostenere minori a rischio utilizzando lo sport come strumento di supporto psico-pedagogico. Inoltre, #IoSonoElettrica, grazie alla partnership con LifeGate ha aderito al progetto Impatto Zero, compensando i 7.538 kg di CO2 generati dal tour e contribuendo alla tutela di oltre 15.000 mq del Parco del Ticino, alle porte di Milano.

A salutare il passaggio di #IoSonoElettrica tante istituzioni e sindaci che si sono impegnati a supportare lo sviluppo della mobilità elettrica nelle loro città. Da Firenze che “scommette sempre più sulla mobilità elettrica e sullo sviluppo sostenibile e grazie a Mercedes fa un nuovo, significativo passo in avanti per l’aumento dei veicoli elettrici in città” come dichiarato dal sindaco Dario Nardella, a Milano con l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran convinto che “la mobilità sostenibile sia l’unica via percorribile per migliorare la qualità della vita nelle grandi città e la diffusione di veicoli ecologici è sicuramente una delle strade da perseguire con tenacia”.