Il 17 luglio a Roma, nella splendida cornice di Villa Wolkonsky, si è tenuto l’evento di presentazione ufficiale degli atleti che rappresenteranno l’Italia agli Invictus Games, evento in programma a Londra dal 10 al 14 settembre 2014 e riservato al Personale delle Forze Armate affetto da mutilazioni, lesioni o infermità per cause di servizio. Sotto i rilettori dell’evento ci saranno centinaia di uomini e donne che grazie allo sport hanno superato le proprie difficoltà: oltre 400 gli atleti provenienti da 14 Paesi, dall’Afghanistan all’Australia che si sfideranno in gare di atletica, tiro con l’arco, basket, ciclismo, sollevamento pesi, canottaggio indoor, rugby, nuoto, pallavolo e anche al volante.

La presentazione è avvenuta alla presenza dell’Ambasciatore britannico Christopher Prentice, degli alti rappresentanti delle Forze Armate italiane e di Daniele Maver, presidente di Jaguar Land Rover che è sponsor ufficiale della manifestazione. Il promotore della manifestazione è il Principe Harry che ha deciso di portare nel Regno Unito gli Invictus Games dopo aver assistito, negli Stati Uniti, ai Warrior Games: “Posso testimoniare personalmente quanto sia positivo, nei difficili percorsi di guarigione da affrontare nei momenti di disagio e malattia, l’impatto dello sport sulla vita di chi ha sofferto mutilazioni, lesioni o infermità – ha detto il Principe Harry -. Gli Invictus Games celebreranno il loro spirito combattivo in una competizione sportiva globale che sarà anche un riconoscimento del loro sacrificio”.

La parola Invictus, celebre film sul Sudafrica tratto dal libro “Playing The Enemy”, significa indomito e simboleggia lo spirito combattivo delle vittime di invalidità o malattie in servizio, e quello che questi uomini e queste donne possono realizzare, grazie alla propria tenacia, in situazioni di disabilità post-traumatiche. Jaguar Land Rover studierà insieme alla Royal Foundation e al Ministero della Difesa britannico nuovi metodi per valorizzare l’importanza dei veterani come esperti del settore, per lasciare un’eredità dell’evento duratura nel tempo: “Siamo fieri di contribuire alla realizzazione degli Invictus Games - ha commentato Ralph Speth, CEO di Jaguar Land Rover -. E’ stata un’ispirazione per noi la passione con la quale il Principe Harry ha sostenuto l’idea. Stiamo inoltre studiando nuovi metodi per facilitare l’inserimento nel mondo del lavoro e nella vita civile di queste persone, per creare un lascito duraturo anche dopo la conclusione degli Invictus Games”. Fra gli eventi in programma è prevista una competizione automobilistica organizzata da Jaguar Land Rover.

LEGGI ANCHE

Jaguar Land Rover: l’auto del futuro con lo Smart Assistant

Jaguar Land Rover: ecco AHEAD

Jaguar Land Rover: 250 nuovi posti di lavoro ad Halewood

Land Rover Discovery Vision concept: il SUV del futur

Jaguar Land Rover: apertura di un nuovo stabilimento in Brasile

Jaguar Land Rover news: accordo con Chery