In occasione di Internet Motors 2014, il principale evento Digital Automotive in Europa, abbiamo avuto il piacere di intervistare Andrea Crespi, Direttore Generale di Hyundai Italia. Dopo un’esperienza ventennale nel business automotive (tra cui una lunga parentesi in Ford, ndr), da aprile 2013 ha assunto la guida della divisione italiana della casa coreana. Nel primo semestre del 2014, il quinto player automotive del mondo ha fatto segnare un +13,8% delle vendite ai privati e un + 17,8% alle flotte rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le attività digital sono uno dei cavalli di battaglia di Hyundai e in questo ambito la sfida è duplice: crescere sul web e promuovere tra i propri dealer la cultura del digitale anche attraverso i momenti di formazione delle Hyundai training academy: “Il nostro claim è ‘New thinking, new possibilities’ quindi siamo aperti a tutte le possibilità e a tutte le innovazioni immaginabili. Siamo attenti a tutto ciò che passa e alle nuove idee ma anche a implementare meglio le vecchie idee che oggi si modernizzano e possono arrivare ai clienti in modo più efficace. Il digital per Hyundai non è solo un canale fondamentale ma è anche un‘attività fondamentale a cui dedichiamo tante risorse (Crespi ha parlato del doppio rispetto alle altre case costruttrici, ndr). Abbiamo ancora tanto da migliorare per essere sempre più aggiornati e arrivare al cliente in maniera più intelligente, più elegante e più tempestiva. Il sito è il nostro showroom e dobbiamo convertire l’esperienza virtuale in esperienza fisica. Se non arrivi all’eccellenza in rete  lo si saprà subito”.

Hyundai e la crescita del brand 

Durante Internet Motors è stato portato come esempio virtuoso il case history di Hyundai con Tumblr  in occasione degli ultimi Mondiali di calcio in Brasile (Hyundai è partner ufficiale FIFA dal 2002, ndr). Associare il marchio con uno dei più grandi eventi sportivi nel mondo ha prodotto risultati notevoli (qui i dettagli). Secondo Interbrand, il valore del brand Hyundai ha superato i 10 miliardi di dollari crescendo di quasi il 200% rispetto al 2005: “Questo è un punto chiave per noi. Non c’è miglior veicolo di un evento della portata di un Mondiale per far crescere il brand e la brand awareness in tutto il mondo. Oggi abbiamo mercati che hanno una percezione del marchio molto avanzata come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, e altri mercati come quello italiano in cui ancora il brand Hyundai non ha raggiunto questa forza, o almeno quella che pensiamo che dovrebbe avere. Da questo punto di vista possiamo solo crescere. Solo agganciandosi alla grandissima platea di una Coppa del Mondo, Hyundai può avere quella forza ed energia per farsi conoscere da tutti. A quel punto andrà aumentata la visibilità delle offerte tattiche che facciamo sul mercato”.

Raffica di nuovi modelli fino al 2017 

A proposito di brand awareness, una delle difficoltà sta nel trovare consumatori consapevoli soprattutto tra i più giovani: “E’ importante arrivare a tutte le persone dato che l’utenza internet è molto distribuita. Ovviamente parlare il linguaggio del web e ottimizzare questo pacchetto per usare il linguaggio dei giovani con i giovani è una delle sfide che sta affrontando Hyundai. Dobbiamo avere un’infrastrutttura efficiente a livello digital ma poi dobbiamo esprimere valori chiave e sostanziali che sono legati al mondo dell’automotive. Parlo di auto e offerte adatte come l’accessibilità e i cinque anni di garanzia a chilometraggio illimitato che significano, specie per i giovani, eliminare una parte dei problemi visto che per cinque anni alla macchina penserà Hyundai”. All’impegno in ambito web si accompagna uno altrettanto notevole in fase di progettazione e produzione di veicoli visto che saranno lanciati una ventina di nuovi modelli entro il 2017: “Questa rappresenta una grande ed entusiasmante sfida e testimonia la forza del ciclo di prodotto Hyundai. Abbiamo già lanciato due prodotti: la i10 e la nuova Genesis, un’esercizio di stile e tecnologia al top del mercato. Ora ci apprestiamo a lanciare una serie di auto in fila, a cominciare dal segmento B con la i20 che arriverà sul mercato nei prossimi giorni. L’appuntamento è per giugno 2015: il nostro portafoglio sarà completamente rinnovato e la vettura più vecchia che venderemo all’inizio dell’estate sarà proprio la nuova i10″.

Hyundai ix35 Fuel Cell, l’auto a idrogeno è il futuro

Nei giorni scorsi a Ecomondo, fiera italiana dedicata alla mobilità sostenibile, era possibile provare la Hyundai ix35 Fuel Cell, la prima vettura a idrogeno al mondo prodotta e commercializzata in serie. Una chiara dichiarazione d’intenti sul futuro eco-sostenibile immaginato da Hyundai: “IX35 Fuel Cell è la prima vettura di serie al mondo ad idrogeno. Certamente i volumi prodotti e i costi della vettura (prezzo indicativo di 58.000 euro destinato a scendere con l’incremento della produzione, ndr) non sono ancora compatibili con un’offerta commerciale per i privati sul mercato italiano ma a Rimini durante Ecomondo si poteva fare un test drive. Quindi non stiamo parlando di un protitipo ma di una certezza, una vettura reale. Noi crediamo che l’idrogeno sia il futuro. Ci stiamo lavorando dal 1998 e siamo interessati a portare la conoscenza di questa tecnologia in tutto il mondo“. In tre concessionarie della California la vettura è offerta anche ai privati (a 499 dollari al mese per tre anni compresi i rifornimenti e manutenzione, ndr) mentre in Italia sono stati consegnati i primi 10 esemplari nell’ambito del progetto HyFive con tre formule di leasing comprese tra gli 840 e 1.800 euro al mese. Ciò che manca sono le stazioni di rifornimento di idrogeno: oltre a quelle di Bolzano e Trento, dovrebbero sorgerne altre due tra Verona e Carpi entro fine 2016 nell’ambito di un progetto che punta a trasformare l’autostrada del Brennero in una “hydrogen highway”.

LEGGI ANCHE

Hyundai i10 Sound Edition: info e prezzi

Nuova Hyundai i10 Login: prezzo, foto e prova su strada

Hyundai i10 2014 test drive: 3 motivi validi per comprarla

Hyundai Santa Fe test drive: prezzo, foto, video e prova

Nuova Hyundai Genesis nelle concessionarie: info, prezzo e foto

Hyundai ix20 App Mode: il test drive di Leonardo.it

Mondiali 2014: Hyundai, un evento da protagonista