Tony Cairoli serve subito il bis. Dopo aver dominato la prima prova degli Internazionali d’Italia di Motocross (CLICCA QUI PER LA PRIMA IMPRESA DEL 2014), il sette volte campione del mondo (CLICCA QUI PER APPROFONDIMENTI) si ripete nella seconda prova confermando il pronostico della vigilia. Riserva un’emozione speciale al campione di Patti correre nella barocca Noto sotto il sole della sua Sicilia rendendo l’evento imperdibile per tutti gli appassionati delle ruote artigliate. Dopo la sabbia del primo Round, il secondo appuntamento si corre su un terreno diverso, con fondo duro tradizionalmente meno avvezzo per il siciliano che ha ugualmente portato la KTM SX 350 sul gradino più alto del podio sia nella MX1 che nella Elite.

Holeshot in entrambe la manche e gas spalancato dalla prima all’ultima curva sconfiggendo le resistenze dagli avversari e portando in casa De Carli punti preziosi per la classifica finale. Nella categoria Elite Cairoli è già virtualmente campione e gli basterebbe presentarsi al via dell’ultima prova (Montevarchi), pur non prendendo punti: “Confesso che venire nella mia Sicilia per gli Internazionali è stato per me emozionante, c’erano tanti amici, la mia famiglia e una marea di tifosi. Ho pensato solo a stare concentrato, e il fondo molto duro, che non è tra i miei preferiti, mi ha aiutato a tenere alto il livello di guardia. In questa fase stiamo ancora perfezionando i settaggi della moto in vista del Mondiale (QUI IL CALENDARIO), ma penso che siamo messi abbastanza bene, abbiamo fatto un buon lavoro. Spero di raccogliere il doppio titolo italiano come già negli ultimi due anni”. 

Nella MX1 concludono dietro di lui Jeremy Van Horebeek (Yamaha Factory Racing) e Todd Waters (Red Bull IceOne Husqvarna Factory Racing) sorpassato dal belga negli ultimi giri. Davide Guarneri (TM Ricci Racing) rimane fuori dal podio nonostante la bella partenza. Nella ELITE stessi piazzamenti a podio, stessa rincorsa forsennata dietro a Tony che agli avversari non concede nemmeno la speranza di raggiungerlo. Bella la battaglia tra Guarneri e Waters che alla fine ha la meglio sul pilota italiano. David Philippaerts (DP19 Racing) perde posizioni per la moto che si “intraversa” dopo la metà della gara.

Nella MX2 il vice campione del mondo Jordi Tixier (Red Bull KTM Factory Racing) parte in testa e conduce le danze fino all’ultimo giro, tagliando il traguardo davanti a Christophe Charlier (Yamaha Factory Racing) che conquista la tabella di leader. Terza piazza per Alessandro Lupino (CLS Kawasaki Monster Energy) che risale dall’ottavo posto con una splendida rimonta. Amaro in bocca per Ivo Monticelli (Marchetti Racing Team KTM) che non riesce a concretizzare la bella partenza. A differenza delle gare dei “grandi” la MX125 regala due manche ricche di sorpassi e colpi di scena che vedono premiati, nella classifica di giornata, Joakin Furbetta (KTM Team Milani), Thomas Marini (KTM Silver Action) e Morgan Lesiardo (Team Motocross FMI – TM Ricci Racing). La tabella rossa della Under17 rimane nelle mani di Tommaso Isdraele Romano (KTM Solarys). Qui tutti i risultati.