Un imprenditore di Torre del Greco (NA) aveva sistemato sulla scogliera, ben 77 tubi di gomma resistente per una lunghezza totale di 30 metri. La loro posizione, utile all’attività di acquacoltura, non era stata fissata cosi come previsto dalla legge, con il rischio che queste decine di tubi potessero finire in mare ed intralciare se non danneggiare le imbarcazioni in transito  nel golfo di Torre del Greco e nell’intera area napoletana, così come è avvenuto. La zona, infatti, è di passaggio per numerose navi dirette a Capri, sulla costa di Sorrento ed in altri porti intorno al Vesuvio. Con l’accusa di attentato alla sicurezza dei trasporti marittimi,  i Carabinieri del Servizio Navale di Torre del Greco, hanno fermato e denunciato in stato di libertà Gennaro A., cinquantenne imprenditore dell’area marittima in argomento. Decine dei tubi sistemati dall’uomo, infatti, senza le dovute precauzione si sono riversati in mare alla deriva per il golfo, costringendo Carabinieri e Capitaneria di porto al loro difficoltoso recupero per evitare sicuri danni alle imbarcazioni in transito. Tutto il materiale è stato sequestrato a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.