Marco Simoncelli era un personaggio molto amato nel settore motociclistico ma questo ragazzo – scomparso prematuramente sulla pista di Sepang – è stato in grado di farsi molti amici anche nelle altre discipline sportive. Ad un anno dalla morte, lo ricorda anche Luca Pasini. 

Eurosport ha provato a fare un ricordo di Simoncelli, partendo dagli aneddoti raccontati dalle persone che lo conoscevano meglio, da quelle che hanno avuto la fortuna di restare a contatto con lui fino alla fine.

Sicuramente toccante il ricordo di Rossi che parla di una “disastrosa” giornata di prove alla Cava, oppure il racconto restituito da Fausto Gresini di una partita a Tresette finita a tutti i costi a lume di candela. Interessante anche la descrizione di Carlo Pernat, il suo manager, che Sic non voleva assolutamente che fumasse.

E arriviamo a Luca Pasini che il titolare della prima squadra di minimoto con cui ha corso Simoncelli. Sic era un combattente fin da piccolo, dice Pasini e anche sulle minimoto esagerava sempre fino a cadere o fino a convincere i direttori di gara a cambiare la direzione del tracciato.

E’ successo a Castelraimondo dove, una curva molto ostica, era affrontata da Sic sempre a tutto gas con cadute sempre più brusche. Per non vederlo più cadere i giudici invertirono il senso del tracciato.