Nella giornata che ha seguito il Gran Premio di Corea, quello in cui Alonso ha perso la testa del mondiale, la scuderia di Maranello è stata al  centro di un interessante dibattito mediatico, lanciato in rete da un quotidiano inglese. 

Tutto è iniziato da una news pubblicata su una rivista automobilistica inglese che ha letteralmente sparato una castroneria indicando un possibile accordo tra la Ferrari e Vettel. Un’intesa che dovrebbe portare il tedesco a Maranello già dal 2014.

Sicuramente fan e tecnici hanno salutato con entusiasmo questa notizia ma il caso ha voluto che nello stesso tempo Montezemolo fosse in diretta radiofonica e ribadisse un concetto molto chiaro ai seguaci della Rossa:

“Mai due galli nel pollaio ma solo piloti che antepongano sempre l’interesse della squadra al proprio”.

Questa è la filosofia Ferrari, enunciata già durante la ricerca di un sostituto per Massa. Peccato che in questa occasione sia stata strumentalizzata ed abbia costretto il sito ufficiale della Ferrari a pubblicare una precisazione a riguardo:

“Questa frase [quella di Montezemolo] è stata ripresa da tanti come un ostracismo ad un’eventuale coppia – del tutto teorica, meglio ribadirlo prima che qualcuno si permetta di strumentalizzare il povero Grillo – formata da Alonso e Vettel. Peccato che Montezemolo abbia soltanto enunciato un principio, nulla di più nulla di meno. Alla Ferrari ci sarà spazio per chiunque dimostri di avere il talento per guidare una Rossa e di saper lavorare in armonia, con e per la squadra. E’ questo che fa dire ad un pilota e un uomo della personalità di Fernando che quella di Maranello è la squadra migliore… E lui sì che di squadre di vertice ne ha frequentate.”