Tutto cambia nella Formula 1, il calendario, i circuiti, il regolamento e la squadra. Perché allora ci si stupisce tanto se cambia anche l’atteggiamento dei piloti in pista e fuori dal Circus?

In questi giorni si fa un gran parlare della rinascita di Kimi Raikkonen Kimi Raikkonen, dopo una parentesi nel rally ha deciso di tornare in Formula 1. La squadra che adesso lo accoglie, lo ha cercato, lo ha voluto, lo sta spingendo con tutta la fiducia del mondo. E questo calore del team ha finito per sciogliere ombre e ghiaccio che avvolgevano Iceman.

Non sono mai stato così bene in Formula 1, dice Raikkonen e lo fa riferendosi alla sua squadra. E’ un pilota nuovo rispetto a quello che abbiamo visto in passato: sorridente, loquace e a tratti anche divertente. Tutto merito della Lotus che è un team diametralmente opposto a McLaren e Ferrari dove il finlandese ha corso in passato.

L’atmosfera che si respira alla Lotus è positiva e i tecnici hanno costruito una monoposto tutta intorno a Raikkonen. La tranquillità dell’ambiente si riflette sulla resa in pista e rende Kimi il campione ancora più determinato e concentrato.

Adesso manca solo un successo. La sfortuna è stata eccessiva nei primi due gran premi ma il campionato è lungo e c’è sempre tempo per recuperare.