Apple ha diverse centinaia di dipendenti che, segretamente, sta lavorando alla costruzione di un’auto elettrica, un progetto il cui nome in codice è Titan. La progettazione iniziale del veicolo porta questa vettura ad assomigliare ad un minivan, come riportato oggi dal Wall Street Journal.

Le grandi dimensioni del team di progetto (CLICCA QUI) e il fatto che all’interno di esso ci lavorano persone di un certo spessore, fa capire come la società di Cupertino abbia preso seriamente tutto questo. Alcuni dirigenti di Apple sono volati in Austria per incontrare produttori di auto di fascia alta, tra cui il gruppo Magna Steyr della canadese Magna auto International Inc.

Il CEO di Apple, Tim Cook, ha riferito d’aver approvato il progetto quasi un anno fa e d’averlo assegnato al Vice Presidente Steve Zadesky, messo a capo del gruppo di lavoro. Zadesky è un ex ingegnere di Ford che ha contribuito a creare i team di lavoro che hanno dato origine poi all’iPod e all’iPhone. È stato dato il via libera per creare un team di 1.000 persone, tutte portate via da diverse reparti di Apple.

Il team lavora in un luogo segreto a pochi chilometri dalla sede centrale di Apple a Cupertino. Si stanno facendo studi diversi su robotica, metalli e materiali compatibili con la fabbricazione di un veicolo. La produzione di un veicolo è in genere molto costosa, ma questo non sarebbe un problema per Apple, che ha quasi 180 miliardi dollari di budget a disposizione.

Secondo un’indiscrezione rilanciata da Jason Calacanis (CLICCA QUI), Apple acquisterà Tesla per 75 miliardi di dollari nei prossimi 18 mesi. Si tratta ovviamente soltanto di rumors, ma se confermati fanno capire come l’azienda della Mela morsicata sia ormai lanciata in questo genere di prodotti e come, di fatto, il mercato avrà un’impennata notevole nel prossimo futuro. Apple, che ha appena avuto una capitalizzazione da 700 miliardi di dollari, è pronta a fare concorrenza a General Motors sul territorio d’oltreoceano, ed in Europa a Smart: “Ci sono prodotti sui quali stiamo lavorando e che nessuno conosce – aveva detto Tim Cook, CEO di Apple, a settembre a Charlie Rose – e sui quali, addirittura, non sono usciti nemmeno rumors”.