Hyundai Tucson amplia ulteriormente la gamma con il nuovo 1.7 CRDi da 141 CV dotato di cambio 7DCT. Forte delle 5 Stelle conquistate nei test EuroNCAP e di propulsori da 115 a 185 cavalli, il SUV made in Corea del Sud arricchisce la propria offerta 2WD grazie al propulsore turbodiesel da 1.700 cc ora offerto con un nuovo livello di potenza ed abbinato ad un cambio a doppia frizione a 7 rapporti (7DCT).

Presentata in anteprima proprio al Salone di Ginevra, Hyundai Tucson punta su un mix di elementi quali design, tecnologia, praticità e piacere di guida che, abbinati alla garanzia di 5 anni a chilometraggio illimitato, sono le caratteristiche peculiari di ogni auto della casa coreana. Realizzata con una struttura ad alta resistenza, è diventata in poco tempo la Hyundai più venduta d’Europa grazie a 115.000 vetture consegnate alla clientela da settembre 2015, di cui oltre il 10% in Italia dove la nuova Tucson si è inserita da subito al vertice dei SUV compatti.

Su Hyundai Tucson in versione 1.7 CRDi la velocità massima passa da 176 a 185 km/h, con un miglioramento di oltre 2 secondi nello scatto da 0 a 100 km/h mentre la coppia massima di 340 Nm (+60 Nm rispetto all’1.7 CRDi da 115 CV) viene erogata tra i 1.750 giri/min e i 2500 giri/min per emissioni di 129 g/km di CO2 ed un consumo di 4,9 litri per 100 km (ciclo combinato), consentendo un risparmio del 20% nei consumi rispetto ad una tradizionale trasmissione automatica a sei rapporti grazie anche al sistema “Stop & Go”. Inoltre, per garantire il massimo risparmio, il nuovo propulsore è abbinato al sistema “Stop & Go”, disponibile anche sull’1.7 litri da 115CV, 2.0 CRDi da 136CV e 1.6 benzina.

Hyundai Tucson 1.7 CRDi da 141 cavalli 7DCT 2WD è commercializzato unicamente nell’allestimento Xpossible, che da solo rappresenta circa due terzi dei volumi del modello ad oggi commercializzati in Italia, grazie al successo ottenuto dalla 1.7 CRDi 2WD da 115 CV. La tecnologia a bordo comprende il dispositivo di mantenimento della corsia (LKAS), il sistema di rilevazione dei limiti di velocità (SLIF), il pulsante d’accensione “start button” con chiave intelligente, il quadro strumenti a colori (HD) da 4,2 pollici e il navigatore con display TFT touchscreen LCD da 8 pollici con annessa retrocamera e abbonamento gratuito (7 anni) ai servizi Tom Tom Live.

La dotazione si completa con il Drive Mode Select (“Eco”, “Normal” e “Sport”) e il freno elettrico di stazionamento. Esternamente, si distingue per la griglia esagonale cromata, i cerchi da 17″ (con ruota di scorta) e i sensori di parcheggio anteriori. A quest’allestimento possono inoltre essere abbinati i cerchi in lega leggera da 19” ed alcuni altri optional, racchiusi in pacchetti: X Pack, Deluxe Pack, Leather Pack e Safety Pack.

In totale le motorizzazioni di Hyundai Tucson (qui il nostro test drive) comprendono motori benzina e diesel montati trasversalmente, da 1.6 a 2.0 litri di cilindrata, 2WD e 4WD, con cambio manuale a sei marce, automatico o a doppia frizione 7DCT disponibile in modalità automatica e sequenziale. Già dalla 1.6 GDI versione Classic, versione d’entrata nella gamma Tucson, il crossover offre di serie 6 airbag, ABS, ESP, assistenza alla partenza in salita (HAC), controllo della trazione (TCS), dispositivo di controllo della velocità in discesa (DBC), sensori pressione gomme (TPMS) e segnalatore della frenata d’emergenza (ESS), oltre a comandi al volante, climatizzatore manuale, luci diurne e di posizione a LED.

Hyundai Tucson 1.7 CRDi 141CV 7DCT è già disponibile presso tutte le concessionarie a un prezzo a partire da 30.600 euro chiavi in mano, 2.300 euro in più della versione 1.7 CRDi da 115 CV.