A pochi giorni dal fischio d’inizio dei Mondiali in Brasile, Hyundai ha consegnato oltre mille veicoli per il trasporto via terra del più grande evento sportivo del mondo. Durante la cerimonia ufficiale, che si è tenuta allo stadio Arena di San Paolo, la casa coreana ha concesso alla FIFA, di ci è partner ufficiale, 1.021 vetture tra cui Equus, Genesis, Azera, Santa Fe, Sonata, ix35, Veloster, H1, H100 e HB20 (quest’ultima sviluppata e prodotta in Brasile per il mercato interno).

Grazie a questo contributo, verrà garantito il funzionamento della manifestazione e il trasporto di squadre, rappresentanti FIFA, membri del comitato organizzatore, arbitri e giornalisti. Per la manifestazione iridata, Hyundai ha addestrato più di 1.000 driver, al fine di garantire una guida sicura nonchè una familiarità con ogni modello, le tecniche di manutenzione e con i percorsi.

Hyundai ha inoltre consegnato i 32 autobus che accompagneranno le squadre di calcio durante gli spostamenti. Tutti gli autobus saranno decorati con i colori di ciascuna nazionale e con gli slogan vincitori del contest internazionale “Be There with Hyundai“, pensato per invitare i fan di tutto il mondo a proporre claim personalizzati per i bus ufficiali delle squadre partecipanti alla Coppa del Mondo. L’autobus che trasporterà l’Italia e, che si è visto in azione nel giorno dell’arrivo della delegazione azzurra a Mangaratiba, è personalizzato con lo slogan: “Coloriamo d’azzurro il sogno mondiale”. Sin dal suo lancio nel 2006 ai Mondiali in Germania, poi ripetuta anche in occasione degli Europei, l’iniziativa “Be There With Hyundai” si è affermata nel tempo come appuntamento da non perdere tra gli appassionati di calcio di tutto il mondo.

LEGGI ANCHE

Slogan Mondiali: le 32 frasi d’incoraggiamento delle Nazionali

Mondiali: da Torino a Sydney, il ritorno degli Hyundai Fan Park

Hyundai Kakà: un’elegante Santa Fe per l’ambasciatore dei Mondiali

Hyundai Santa Fe, il test drive di Leonardo.it

Mondiali Brasile 2014: le spese esorbitanti che la popolazione non vuole

Mondiali Brasile 2014: un Paese che protesta per tanti e validi motivi

Mondiali: la festa che non può esserci in un clima infuocato