Il campione del mondo uscente di Formula 1 sta attraversando un periodo un po’ opaco, ma non per colpa sua. Il giovane tedesco ha un talento indiscutibile ma le nuove formule introdotte dalla FIA hanno livellato il campionato e la Red Bull ha perso tutto il suo magico segreto. 

Eppure ogni volta che ci si avvicina ad un momento critico c’è qualcuno pronto a giurare che si è prossimi al cambio di casacca. Adesso, un po’ scavando nelle dichiarazioni del passato, sta riemergendo la diceria di un passaggio di Vettel alla Ferrari. 

C’è chi dice che Vettel sia alla ricerca di una scuderia più competitiva, un po’ come la Ferrari di quest’anno e c’è chi dice che la Ferrari sta cercando un sostituto plausibile di Massa e vorrebbe andare a pescare proprio in Red Bull. Tra l’altro si diceva sempre qualche settimana addietro che per la poltrona del brasiliano fosse pronto Mark Webber.

La formula 1, però, non è così imprevedibile come il motogp dove da un giorno all’altro – pensiamo a Stoner – si annuncia un ritiro. Il Circus è più calcolatore, sono gli sponsor a governare molte scelte e soprattutto non basta più la nomea che una squadra si è costruita nel tempo.

A smentire tutte le voci ci ha pensato Horner con una dichiarazione molto secca:

Ho parlato con Seb e lui mi ha assicurato di non aver mai parlato con Ferrari. Figuriamoci poi la possibilità che abbia sottoscritto qualunque tipo di accordo. Sono tutti pettegolezzi, e purtroppo continueranno. Ma sono pettegolezzi, ripeto.