Arrivano nuovi dettagli sulla nuova Honda Africa Twin 2016. Come le sue celebri antenate, è stata progettata per affrontare i percorsi più avventurosi, grazie al potente motore, alla dinamica ciclistica e al peso contenuto in 208 kg a secco, per percorrere i continenti a qualsiasi latitudine e in ogni condizione. Fin dall’inizio del progetto ingegneri e designer hanno scelto come base su cui lavorare la XRV750 Africa Twin per il suo equilibrio tra usabilità, bilanciamento e maneggevolezza. La moto che oggi porta il suo stesso nome, (Honda CRF1000L Africa Twin 2016) non condivide nessun componente con la progenitrice ma ne eredita totalmente l’essenza e lo spirito.

La nuova Honda Africa Twin 2016 eredita dalla CRF250/450R lo stesso tipo di testata Unicam su un motore da 1000cc, un compatto bicilindrico parallelo da 95 CV di potenza e 98 Nm di coppia massima con un’accensione a due candele per cilindro. L’erogazione di potenza e coppia si annuncia forte e lineare mentre un doppio contralbero di bilanciamento riduce drasticamente le vibrazioni e la rumorosità meccanica. Il telaio a semi-doppia culla punta sul perfetto bilanciamento tra la stabilità ad alta velocità, anche a pieno carico, l’attitudine alla guida in fuoristrada, la maneggevolezza e la resistenza alle sollecitazioni, anche le più estreme. La centralizzazione delle masse e l’abbassamento del baricentro sono stati inoltre ottenuti posizionando alcune delle componenti ausiliarie, come ad esempio la batteria, dietro la bancata dei cilindri.

La forcella Showa a lunga escursione è completamente regolabile e sui piedini a perno avanzato monta pinze freno radiali Nissin a 4 pistoncini che mordono dischi flottanti da 310 mm con profilo a margherita. Il monoammortizzatore è pluriregolabile, con pratico registro idraulico a pomello per il precarico molla. E come sulla CRF450 Rally, la nuova Honda Africa Twin 2016 monta cerchi a raggi da 21” all’anteriore e 18” al posteriore, con pneumatici nelle misure 90/90-21 e 150/70-18 sui quali è possibile montare sia pneumatici più adatti alla guida su strada che gomme tassellate per il fuoristrada professionale.

Nel rispetto del tema “Unlimited Adventure” cui è ispirato il suo design, il gruppo ottico anteriore sdoppiato mantiene l’originale “sguardo” che è la firma di tutte le Africa Twin, mentre la sella è regolabile su due livelli di altezza, a 870 o 850 mm. Il serbatoio da 18,8 litri consente un’autonomia di circa 400 km. Per garantire che l’elettronica di bordo adegui la resa dinamica della moto a ogni condizione climatica e di fondo, il sistema per il controllo della trazione HSTC si può impostare su tre livelli di intervento oppure disattivarlo ed è possibile escludere l’ABS sulla ruota posteriore.

La nuova Honda Africa Twin 2016 sarà disponibile anche in versione con cambio sequenziale a doppia frizione Honda DCT (Dual Clutch Transmission) che permette sia l’utilizzo in modalità manuale MT (Manual Transmission) con palette al manubrio, sia due modalità automatiche, la D (Drive) e la S (Sport) che offre per la prima volta tre opzioni tra cui scegliere. La nuova Honda Africa Twin 2016 sarà disponibile in tre versioni: Standard, ABS e DCT-ABS, per le quali sono previste quattro colorazioni: CRF Rally, Tricolour, Silver, Black, tutte con gruppi ottici a LED. Sarà disponibile in tutte le concessionarie ufficiali Honda entro la fine del 2015 ad un prezzo base indicativo di 12.400 euro f.c..